Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 31/07/2020: Coronavirus - fase 3: proroga delle misure urgenti

Prorogato lo stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 dal 31 luglio al 15 ottobre 2020: il Decreto Legge 30 luglio n.83

In linea con la delibera del Consiglio dei ministri del 29 luglio 2020, che ha prorogato fino al 15 ottobre 2020 lo stato di emergenza, con decreto legge n. 83 del 30 luglio 2020 sono state prorogate al 15 ottobre le misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da Covid-19, deliberata il 31 gennaio 2020.

Il decreto legge proroga al 15 ottobre 2020 i termini previsti dall'art. 1, co.  1, del d.l. n. 19 del 25 marzo 2020, convertito, con modificazioni, dalla l. n. 35 del 22 maggio 2020, e dall'art. 3, co. 1, n. 33 del d.l. 16 maggio 2020, convertito, con modificazioni, dalla l. n. 74 del 14 luglio 2020, nonché i termini previsti dalle disposizioni legislative di cui all'allegato 1.

 

Decreto-legge 30 luglio 2020, n. 83 Misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da COVID-19 deliberata il 31 gennaio 2020.

Così gli articoli 1, 2 3: “All’articolo 1, comma 1, del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2020, n. 35, sono apportate le seguenti modificazioni:
 
a) le parole «31 luglio 2020» sono sostituite dalle seguenti: «15 ottobre 2020»;
 
b) le parole «dichiarato con delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 26 del 1° febbraio 2020» sono soppresse.
 
All’articolo 3, comma 1, del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, le parole «31 luglio 2020» sono sostituite dalle seguenti «15 ottobre 2020».
 
I termini previsti dalle disposizioni legislative di cui all’allegato 1 sono prorogati al 15 ottobre 2020, salvo quanto previsto al n. 32 dell’allegato medesimo, e le relative disposizioni vengono attuate nei limiti delle risorse disponibili autorizzate a legislazione vigente”.
 
La nota del Consiglio dei Ministri riassume tutte le proroghe previste, che riguardano:
- reclutamento dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, permanenza personale sanitario, assunzioni, professione medico chirurgo e lavoro autonomo personale sanitario;
- reti assistenza territoriale;
- aree sanitarie temporanee;
- disposizioni straordinarie per la produzione di mascherine e Dpi;
- distribuzione dei farmaci ;
- misure di protezione a favore dei lavoratori e della collettività;
- dati personali;
- assistenza ai connazionali all’estero;
- attività formativa delle Università e delle Istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica;
- Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19;
- lavoro agile;
- edilizia scolastica.

Nelle more dell'adozione dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, continua ad applicarsi il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 14 luglio 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 14 luglio 2020, n. 176.

Il decreto legge entra in vigore il 30 luglio 2020, giorno della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

 

 


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: rosychimen@hotmail.it - likes: 0
31/07/2020 (17:31:23)
Buongiorno
Sono una paziente immunodepressa
Sono a casa per art V07 legato all'emergenza covid con scadenza al 31 luglio. Ma oggi 31 luglio ancora non ho notizie chiare se ritornare lunedì a lavoro o se questo articolo V07 sarà prorogata fino al 15 ottobre. Praticamente arrivo a lunedì senza sapere nulla. Ho girato in internet....nulla. qualcuno può darmi notizi sicura? Grazie
Autore: Arcangelo - likes: 0
03/08/2020 (07:58:35)
Potrei avere notizie riguardo il codice v07?
Rispondi Autore: Pina Rosa - likes: 0
01/08/2020 (16:22:25)
sono anch'io nella stessa situazione. Non so se devo riprendere lunedì a lavorare. So che alcuni medici di base hanno prorogato il periodo di assenza a pazienti con 104/92 o con problemi di salute previsti dal DL 17 marzo.
Rispondi Autore: Stefania - likes: 0
02/08/2020 (14:49:41)
Stessa situazione? Che fare? Ministro Speranza, ci dia una risposta urgente
Rispondi Autore: Antonio - likes: 0
02/08/2020 (18:16:04)
Decreto legge 30/7/2020 art83 proroga fino al 15 ottobre quindi si può continuare col codice v07
Rispondi Autore: enza - likes: 0
03/08/2020 (06:56:19)
Desidero sapere se posso continuare con la malattia cod VO7, sono paziente immunodepressa , tra l'altro ho dovuto sospendere terapia per intolleranza ,
Altrimenti il medico dovrà' mettere altro codice. Grazie per l'attenzione.
Rispondi Autore: Antonio - likes: 0
05/08/2020 (18:35:09)
Rettifico per ora non prorogato codice v07 è incredibile attendiamo un comportamento responsabile nei confronti dei lavoratori fragili da parte di chi ne ha la responsabilità
Rispondi Autore: Francesco - likes: 0
07/08/2020 (13:30:19)
Decreto Legge 30 luglio n.83
Rispondi Autore: Francesco - likes: 0
07/08/2020 (13:34:42)
Gazzetta Ufficiale Decreto Legge 30 luglio n.83, se leggete vi renderete conto che è stato prorogato dal 31 luglio fino al 15 Ottobre.

Dr. Di Luca
Rispondi Autore: Francesco - likes: 0
07/08/2020 (13:38:44)
Si chiama “sorveglianza sanitaria eccezionale”. E’ prevista dal decreto Rilancio a tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori “fragili” maggiormente esposti al rischio di contagio nei luoghi di lavoro fino al 15 ottobre 2020, data di cessazione dello stato di emergenza.

Dr. Di Luca
Rispondi Autore: Francesco - likes: 0
07/08/2020 (13:46:07)
i lavoratori “fragili” giudicati inidonei dai medici competenti “nell'ambito della sorveglianza sanitaria di cui all'articolo 83 del presente decreto, a condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione lavorativa”, l’evidente corto circuito normativo di cui sopra non può che essere risolto ritenendo il citato art. 83, per il tramite del richiamato art. 90, comma 1 secondo periodo, del D.L. 34, ancora pienamente in vigore fino al 15 ottobre 2020.

Dr. Di Luca
Rispondi Autore: Cinzia P. - likes: 0
19/08/2020 (23:08:54)
Salve , io sono stata in codice V07 fino al 31 luglio, poi ho preso le ferie perché mi hanno confermato delle visite specialistiche da fare ad agosto, che in precedenza avevano bloccato a causa del covid, oggi ho ripreso a lavorare, nella mia amministrazione lavorano la maggior parte da casa , io però faccio un lavoro manuale, quindi devo essere fisicamente lì , devo prendere quattro autobus al giorno che non sono controllati come metro o treni, e comunque nel mio posto di lavoro siamo sempre tanti , oggi ad esempio, saremo stati cinquanta , alcuni hanno avuto il covid , e tutti vengono con mezzi pubblici, perché lavoriamo al centro di Roma ed è impossibile arrivare in macchina, io sinceramente ho molta paura, ho tre malattie autoimmuni appurate e forse anche una quarta, dovevo a marzo passare la visita per l'invalidità civile, ma anche quella è stata procrastinata a data da stabilire , ho avuto ischemie al cervello, sono ipertesa, cardiopatica, diabetica, ed ho una serie di altre malattie per le quali prendo 13 / 15 medicine al giorno, tra le quali da due anni anche il cortisone. Se non dovessero prorogare il codice V07, potrei prendere malattia con un'altro codice ?
Grazie mille
Rispondi Autore: Maria D’Agostino - likes: 0
29/08/2020 (09:58:10)
Le donne in gravidanza rientrano tra i lavoratori fragili , giusto ? Pertanto posso richiedere la certificazione di malattia con codice V07 ?
Grazie a chi vorrà rispondere

Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

23/09/2020: Il ruolo delle green city nella ripresa post Covid

Le green city possono essere la risposta per fronteggiare da una parte le emergenze provocate dalla pandemia, dall’altra l’emergenza climatica


22/09/2020: Liguria: infortunio sul lavoro da Covid-19

Firmato il 28 agosto 2020 un accordo bilaterale per l’erogazione di prestazioni riabilitative post Covid-19, in risposta alla crescente domanda di salute e di sicurezza avvertita nel mondo lavorativo e proveniente dal contesto sociale


21/09/2020: Cda e Civ Inail uniti per ottenere risultati concreti per la tutela dei lavoratori

Il miglioramento delle prestazioni economiche e l’estensione della protezione ai soggetti non assicurati le due priorità emerse dall’incontro che si è svolto ieri tra i due Organi dell’Istituto per un fattivo confronto sugli impegni futuri dell’ente


18/09/2020: COVID-19: semplificazioni per la realizzazione di spettacoli dal vivo

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge 11 settembre 2020, n. 120 di conversione del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76. L'articolo 38-bis prevede semplificazioni per la realizzazione di spettacoli dal vivo.


17/09/2020: Imprese per la sicurezza: al via la VII edizione del premio di Inail e Confindustria

Il concorso, realizzato con la collaborazione tecnica di Apqi e Accredia, punta alla diffusione della cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro attraverso la valorizzazione delle iniziative più virtuose. Per partecipare è necessario compilare i questionari online il 30 ottobre.


16/09/2020: Fermiamo la pandemia

Le risorse dell'Eu-Osha per ridurre l’onere dell’influenza stagionale sul luogo di lavoro


15/09/2020: No al saluto coi gomiti

Il direttore dell'OMS sconsiglia il saluto coi gomiti


14/09/2020: Manifestazioni fieristiche, online le linee di indirizzo per gestire salute e sicurezza sul lavoro

Il testo, realizzato nell’ambito del protocollo d’intesa tra Inail e Assoallestimenti, Comitato fiere industria, e Associazione espositori e fiere italiane, recepisce le migliori prassi operative utilizzate nel nostro Paese nelle fasi di allestimento e disallestimento di stand a progettazione libera


11/09/2020: COVID-19: un nuovo decreto-legge sulla ripartenza della scuola

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale un nuovo decreto-legge contenente disposizioni per far fronte a indifferibili esigenze finanziarie e di sostegno per l'avvio dell'anno scolastico connesse all'emergenza Covid-19.


10/09/2020: La risposta europea del trasporto passeggeri al Covid 19

Molti paesi dell'UE hanno chiuso le loro frontiere agli spostamenti ed anche all’interno dei confini nazionali, prescrizioni perentorie hanno fatto scomparire il traffico nel giro di poche settimane in tutto il mondo


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11