Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Crea PDF

Un'azione rigorosa per il clima e la crescita economica non si escludono a vicenda

Un'azione rigorosa per il clima e la crescita economica non si escludono a vicenda
Redazione

Autore: Redazione

Categoria: Ambiente

17/06/2021

Obiettivi climatici ambiziosi possono essere raggiunti contemporaneamente alla crescita economica, secondo uno studio pubblicato da Sitra, il Fondo indipendente finlandese per l'innovazione

Se vogliamo mantenere il riscaldamento globale entro i limiti concordati a livello internazionale, è necessario affrontare una sfida enorme: l'obiettivo di 1,5° fissato dall'Accordo di Parigi, che richiede la riduzione delle emissioni globali allo zero netto entro il 2050, come indicato dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), può essere raggiunto ma a condizioni rigorose. Questo è quanto confermato da uno  studio condotto da un gruppo di ricerca internazionale guidato dall'University College di Londra e pubblicato da Sitra, il Fondo indipendente finlandese per l'innovazione; i ricercatori suggeriscono, inoltre, come un'azione rigorosa per il clima e la crescita economica non si escludano a vicenda.


Il raggiungimento dell'obiettivo climatico di 1,5° richiede
 sia un regime politico forte e coerente che copra tutti i settori economici, sia un'attuazione credibile delle politiche per i prossimi decenni. Ad esempio, l'uso del carbone per l'energia dovrebbe essere eliminato rapidamente in tutto il mondo e l'anidride carbonica dovrebbe essere rimossa dall'atmosfera con nuove tecnologie. E i settori del riscaldamento, dei trasporti e della trasformazione industriale devono essere incoraggiati, per quanto possibile, a utilizzare elettricità pulita al posto dei combustibili fossili.



Pubblicità
RSPP-ASPP aggiornamento 6 ore - La gestione dell'emergenza - Tutti i settori
Corso online di aggiornamento per RSPP-ASPP di attività appartenenti a tutti i macrosettori ATECO. Il corso costituisce quota del credito formativo richiesto per RSPP-ASPP e Docenti-formatori in salute e sicurezza sul lavoro.



Secondo i ricercatori, i paesi che mettono in atto tali politiche e promuovono l'innovazione e il progresso tecnologico prospereranno quando le emissioni globali scenderanno a zero.


L'argomento è tra l'altro di grande attualità poiché i paesi dovrebbero aggiornare i loro impegni sul clima ai sensi dell'accordo di Parigi in vista dei  negoziati sul clima delle Nazioni Unite, previsti per il mese di novembre di quest'anno. 

I risultati dello studio sottolineano che l'obiettivo sarà più facile da raggiungere se ci saranno

  • buona cooperazione globale tra i paesi,
  • rapido sviluppo tecnologico,
  • forti politiche ambientali,
  • bassa crescita della popolazione,
  • diminuzione delle disuguaglianze,
  • cambiamenti nella dieta,
  • protezione delle foreste.


Fino a poco tempo fa, il dibattito pubblico è stato dominato dalla percezione che la crescita economica aumentasse automaticamente le emissioni. Tuttavia, il team di ricerca ha trovato prove del disaccoppiamento delle emissioni e della crescita economica. Ad esempio, nel periodo 1990-2006, l'economia dell'UE è cresciuta di oltre il 50%, ma le emissioni associate alla combustione del carburante sono diminuite del 25%, questo grazie alle misure di efficienza energetica, alla sostituzione dei combustibili fossili con fonti di energia più pulite e ala ristrutturazione dell'economia.


I risultati dello studio suggeriscono che la crescita economica sostenibile deve essere promossa da un'ambiziosa politica climatica attraverso investimenti in tecnologie pulite e un miglioramento della produttività.


Lo studio non è comunque esaustivo nell'affrontare il disaccoppiamento degli impatti ambientali dannosi e della crescita economica, perché non è stato affrontato il disaccoppiamento dell'uso delle risorse naturali e della crescita economica, argomento che richiederebbe ricerche future.



Fonte: ARPAT


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Ordina commenti:

Hai qualcosa da dire su questo articolo?
Aggiungi ora il tuo commento

Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.

Pubblica un commento

Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!