960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

20 agosto 2012 - Cat: Industria
  

L’insediamento delle aziende a rischio d’incidente rilevante


Approvate le linee guida della Regione Lombardia per la predisposizione dell'Elaborato tecnico Rischi Incidenti Rilevanti (ERIR).

Pubblicità
 
Da sempre gli obiettivi pianificatori si devono interfacciare con le esigenze insediative delle realtà locali, siano esse di tipo residenziale che produttivo. Vi è pertanto la necessità di una verifica preventiva della compatibilità tra tipologie insediative diverse, oltre che della loro collocazione all’interno del contesto territoriale ed ambientale.

Per quanto concerne le aziende a rischio d’incidente rilevante, il loro inserimento nel tessuto urbano evidenzia la necessità di una trattazione specifica, e di un’attenzione tale da prevedere che la pianificazione sia particolarmente attenta e sensibile a tale tematica, in virtù dell’impatto, reale e percepito, che l’insediamento di tali aziende può avere sulla popolazione.
In attuazione dell’articolo 14 del D.Lgs. 334/99 e s.m.i., Regione Lombardia, a seguito di progetti sperimentali e ricerche in tema di pianificazione territoriale dei comuni in cui sono insediate aziende a rischio d’incidente rilevante, ha ritenuto opportuno elaborare delle linee guida, per rendere oggettivi ed uniformi, sul territorio regionale, i criteri applicativi della normativa nazionale, con particolare riferimento alla metodologia per la predisposizione dell’Elaborato Rischi Incidenti Rilevanti (ERIR), della sua approvazione e del suo aggiornamento, così come previsto dal D.M. 9 maggio 2001, articolo 2 comma 3.


Pubblicità
Registro per le emissioni in atmosferaModelli di documenti - Registro per le emissioni in atmosfera
Modello di documenti, kit e linee guida sulla sicurezza

 
Le presenti linee guida, aggiornando analogo documento regionale del 2004, in attuazione di quanto previsto dal D.Lgs. 334/99 e s.m.i., si pongono pertanto l’obiettivo di facilitare i comuni nella predisposizione dell’Elaborato RIR (ERIR), previsto nei comuni in cui vi sono aziende a rischio d’incidente rilevante, o sul cui territorio ricadano gli impatti degli scenari incidentali individuati da tali aziende.

Appare opportuno precisare che, come già evidenziato nel DM 9 maggio 2001, in attuazione di quanto previsto dalla Direttiva Europea, le linee guida devono indicare i limiti, le modalità e gli strumenti urbanistici per l’accettabilità territoriale ed ambientale del rischio. In tal senso, le linee guida non sono finalizzate ad un generico miglioramento progressivo della sicurezza, o messa in sicurezza del territorio, ma ad identificare, nell’ambito delle attribuzioni proprie della disciplina urbanistica, le modalità di miglioramento della vulnerabilità territoriale e ambientale.
 
Il presente documento definisce, in particolare:
  • le informazioni necessarie ed il formato attraverso cui tali informazioni devono essere trasmesse dai gestori degli stabilimenti alle amministrazioni comunali;
  • le procedure per l’elaborazione dell’ERIR;
  • la cartografia minima da allegare all’ERIR;
  • l’iter di approvazione dell’ERIR all’interno della pianificazione comunale.
 
Le linee guida sono state approvate con d.g.r. 3753 del 11 luglio 2012 e pubblicate sul BURL serie Ordinaria n.29 del 17 luglio 2012.
 
 
 
 
Fonte: Regione Lombardia

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: