DynDevice LCMS: l'innovativa piattaforma e-learning con editor SCORM™ realizzata da Mega Italia Media.
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

10 ottobre 2001 - Cat: Banche e vigilanza
  

Obiettivi ''sensibili'' sotto controllo in Italia


Forze armate italiane allertate. Uno sguardo alle misure di sicurezza adottate nel resto d'Europa.

L'attività di prevenzione e di controllo iniziata all'indomani degli attentati dell'11 settembre è stata ulteriormente potenziata, come ha sottolineato il ministro dell'Interno Scajola.

Le forze armate italiane sono in stato d'allerta "Bravo" (il secondo livello nella scala Alpha, Bravo, Charlie e Delta) e gli obiettivi ''sensibili'', particolarmente a rischio per il loro valore simbolico, quali multinazionali, gruppi finanziari statunitensi, scuole americane, basi Nato e Usa, compagnie aeree, ma anche luoghi di culto e città d'arte sono sottoposti a misure di controllo più rigide.

Vigilanza più stretta anche presso le sedi di Governo e Parlamento, presso il Vaticano e la Sacra Sindone, ma anche a Venezia sul polo chimico di Porto Marghera e l'aeroporto Marco Polo.

L'Italia è a rischio anche dal punto di vista dei rifornimenti energetici, poiché già in passato le condotte di metano e petrolio delle zone ''calde'' erano state oggetto di attentati e non vi sono fonti nazionali di energia.
I gasdotti principali che riforniscono l'Italia sono tre, uno giunge dalla Russia, l'altro dall'Olanda e il terzo dall'Algeria, che risulta essere il piu' sensibile ed esposto a rischi d'attentato.
Il Transmed, il grande metanodotto che parte dal cuore del deserto algerino, attraversa la Tunisia e il Canale di Sicilia fino a Mazara del Vallo, infatti, anni fa era già stato colpito durante la guerra civile tra integralisti islamici e Governo algerino.

Intanto in Francia, a Parigi, è stato simulato un attacco chimico in metropolitana nell'ambito del piano "piratox", nato nel 1991, quando furono utilizzati gas tossici nella guerra del Golfo.
In seguito a questa sperimentazione è emerso che i sei apparati di decontaminazione disponibili sono pochi e lenti da montare.
Attorno alle scuole sono, invece, state sistemate barriere e transenne per evitare il parcheggio, mentre dispositivi d'allarme sono stati installati nei punti di snodo della rete idrica.

Rinforzi di sicurezza anche in Gran Bretagna, all'aeroporto di Heathrow, a Buckingam Palace , al Parlamento e agli impianti nucleari.

In Germania l'esercito è stato mobilitato per aiutare le forze di polizia in Baviera e Renania-Palatinato, dove ci sono particolari interessi americani; mentre in Grecia voli aerei ed elicotteri privati sono stati vietati.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: