960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

  

VVF: la distanza di sicurezza tra gruppi elettrogeni


I Vigili del Fuoco rispondono ad un quesito relativo alla distanza di sicurezza tra gruppi elettrogeni installati all’aperto.

Pubblicità
google_ad_client

Il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Ministero dell’Interno ha diffuso, il 29 maggio 2008, una lettera circolare che conferma quanto affermato dalla Direzione regionale lombarda in merito alla distanza di sicurezza tra gruppi elettrogeni installati all’aperto.
 
 

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





La Direzione regionale infatti rispondeva ad un quesito posto il 23 gennaio 2008 in relazione al Decreto emesso dal Ministero dell'Interno il 22 Ottobre 2007 - “Regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice a servizio di attività civili, industriali, agricole, artigianali, commerciali e di servizi”- ed in particolare alla possibilità di collocare più gruppi elettrogeni a distanza inferiore a tre metri.
 
La risposta della Direzione regionale, confermata dalla circolare, afferma che “la regola tecnica allegata al DM 22/10/2007 non prescrive distanze di sicurezza interna tra gruppi elettrogeni installati all’aperto, fermo restando la necessità che sia assicurata l’accessibilità agli organi di regolazione, sicurezza e controllo nonché la manutenzione ordinaria e straordinaria secondo quanto stabilito dal costruttore, in analogia a quanto previsto per l’installazione di più gruppi all’interno dello stesso locale”.
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: