LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

12 febbraio 2016 - Cat: PUBBLIREDAZIONALE
  

Sicurezza nella scuola: i compiti del dirigente scolastico


Un convegno gratuito a Torino il 16 marzo per parlare della sicurezza degli edifici scolastici e dei compiti e delle responsabilità del dirigente scolastico.

 
Pubblicità

Il degrado strutturale degli edifici scolastici è un tema che si affronta tutte le volte che in Italia avviene un crollo in una scuola. Tuttavia spesso l’interesse su questo tema si ferma alla ricerca delle responsabilità dell’ennesimo infortunio grave o mortale e non si traduce in una seria  riflessione sulle cause degli infortuni e, specialmente, sull’organizzazione necessaria per evitarli.
 
Per una vera prevenzione degli incidenti scolastici, come quello relativo al crollo di un controsoffitto avvenuto nel 2008 nel Liceo Darwin di Rivoli e che è costato la vita ad un ragazzo di 17 anni, è importante invece soffermarsi su temi come il ruolo dei dirigenti scolastici e l’importante collaborazione tra ‘datori di lavoro’ (scuola e ente locale) e servizi di prevenzione e protezione.
 
Proprio per aumentare gli spazi di riflessione sulla sicurezza degli edifici scolastici e migliorare le strategie di prevenzione, l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro ( AiFOS) promuove a Torino il 16 marzo, insieme ai Centri di Formazione AiFOS Myosotis e Setter Srl, il convegno di studio e approfondimento “Sicurezza edifici: il ruolo del Dirigente scolastico. Compiti, organizzazione e responsabilità”.
 
Il convegno – che avrà come partner anche il Consorzio per il Sistema Informativo (CSI) del Piemonte – affronterà diverse tematiche riguardanti la sicurezza strutturale delle scuole.
Si soffermerà, ad esempio, sulle funzioni del dirigente scolastico, sulla necessità di una gestione attiva e pianificata della sicurezza, sulle criticità determinate dal coordinamento tra soggetti diversi e sul rapporto tra scuola e enti pubblici proprietari.
 
Ricordiamo che alla prevenzione dei problemi strutturali del mondo scolastico fa riferimento anche un articolo del Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ( D.Lgs. 81/2008).
Infatti il comma 3 dell’articolo 18 indica che “gli obblighi relativi agli interventi strutturali e di manutenzione necessari per assicurare (...) la sicurezza dei locali e degli edifici assegnati in uso a pubbliche amministrazioni o a pubblici uffici, ivi comprese le istituzioni scolastiche ed educative, restano a carico dell’amministrazione tenuta, per effetto di norme o convenzioni, alla loro fornitura e manutenzione. In tale caso gli obblighi previsti dal presente decreto legislativo, relativamente ai predetti interventi, si intendono assolti, da parte dei dirigenti o funzionari preposti agli uffici interessati, con la richiesta del loro adempimento all’amministrazione competente o al soggetto che ne ha l’obbligo giuridico”.
 
E secondo larticolo 5 del DM 29 settembre 1998 n. 382 il datore di lavoro, ogni qualvolta se ne presentino le esigenze, deve richiedere agli enti locali la realizzazione degli interventi a carico degli enti stessi; con tale richiesta si intende assolto l'obbligo di competenza del datore di lavoro medesimo. Nel caso in cui il datore di lavoro, sentito l'eventuale responsabile del servizio di prevenzione e di protezione, ravvisi grave e immediato pregiudizio alla sicurezza e alla salute dei lavoratori e/o degli allievi adotta, sentito lo stesso responsabile, ogni misura idonea a contenere o eliminare lo stato di pregiudizio, informandone contemporaneamente l'ente locale per gli adempimenti di obbligo”.
 
Tuttavia per riuscire a fare fronte agli obblighi relativi agli interventi strutturali e di manutenzione delle scuole, l’ente locale non può attendere la segnalazione delle strutture scolastiche, ma deve anche assumere l’iniziativa attraverso azioni di controllo e di manutenzione per garantire la sicurezza di locali e edifici.
 
Di questi temi si parlerà nel convegno “ Sicurezza edifici: il ruolo del Dirigente scolastico. Compiti, organizzazione e responsabilità” che si terrà a Torino il 16 marzo 2016 - dalle ore 14.30 alle ore 18.00 – presso la Sala Convegni CSI PIEMONTE in Corso Unione Sovietica, 216.
 
Il programma del convegno:
 
Apertura dei lavori e saluti istituzionali
- Rocco Vitale, Presidente AiFOS
- Maurizio Gatto,Vice Prefetto di Torino, Coordinatore del Comitato Permanente Salute e Sicurezza sul lavoro (relatore in attesa di conferma);
- Nicoletto Raimondo,Direttore CFA, Consigliere nazionale AiFOS
 
 
Interventi
- Prof.ssa Laura Castelletto, Dirigente Scolastico: “Da Dirigente a Dirigente - Verso una gestione attiva e pianificata della sicurezza delle scuole”;
- Geom. Stefano Farina, Referente Nazionale AiFOS settore costruzioni: “Il rapporto tra l’Istituzione Scolastica e gli Enti Pubblici Proprietari”;
- Prof. Corrado Guarrasi, RSPP scolastico, responsabile RES (Rete per la Sicurezza) della provincia di Torino: “Le criticità determinate dal Coordinamento con soggetti diversi”
 
Sezione aperta (dedicata a quesiti posti dai partecipanti)
 
Conclusioni
 
 
 
 
Si ricorda che il convegno è gratuito, ma con iscrizione obbligatoria, e a tutti i partecipanti verrà consegnato un Attestato di presenza valido per il rilascio di 2 crediti Formatori area tematica n. 2 – Rischi Tecnici.
 
 
Per informazioni e iscrizioni al convegno:
Direzione Nazionale AiFOS: via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia - tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it - convegni@aifos.it   
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: