Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Storie di infortunio: la seconda notte

Storie di infortunio: la seconda notte
05/11/2019: Una lavoratrice ha subito l’amputazione traumatica del quarto dito della mano destra: come è avvenuto l’incidente, le cause e come si sarebbe potuto evitare.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Pubblichiamo la storia “La seconda notte” (a cura di Maurizio Bosi, Servizio Pre.S.A.L della ASL VCO) tratta dal repertorio delle “Storie d'infortunio” rielaborate dagli operatori dei Servizi PreSAL delle ASL piemontesi a partire dalle inchieste di infortunio, e raccolte nel sito del Centro regionale di Documentazione per la Promozione della Salute della Regione Piemonte (Dors).

 

 

Pubblicità
MegaItaliaMedia
 

 

La seconda notte

Esito: una lavoratrice ha subito l’amputazione traumatica del quarto dito della mano destra

 

Dove è avvenuto

Nel reparto lavorazioni meccaniche di tornitura e fresatura di un’azienda dedita a tali lavorazioni

 

Cosa si stava facendo

La notte dell’infortunio, Maria che era addetta alla sbavatura di particolari in acciaio per fucili subacquei chiamati “fiocine”, stava eseguendo il suo lavoro per il quale usava due spazzole di cui una lamellare e l’altra in fili di acciaio, montate su un’unica barra filettata e innestate sul mandrino di un tornio parallelo. L’operazione di sbavatura avveniva tenendo un’asta con entrambe le mani poste sui due estremi. L’asta, lunga circa 80 cm, era appoggiata alternativamente alla spazzola lamellare e alla spazzola di fili d’acciaio.

 

Descrizione infortunio

Improvvisamente il guanto che calzava nella mano destra si è impigliato durante la rotazione della barra filettata di supporto delle due spazzole. Nel trascinamento il guanto si è strappato e come conseguenza Maria ha subito l’amputazione del IV° dito della mano destra.

 

Come prevenire

Era necessario adeguare il tornio ai requisiti generali previsti dalla normativa più recente;

adottare misure tecniche ed organizzative per usarlo in modo corretto;

formare ciascun lavoratore sull’uso delle attrezzature in particolare nel caso specifico del tornio;

fornire ai lavoratori i DPI specifici così come identificati nel documento di valutazione del rischio.

 

Leggi la storia

 

Fonte: Dors




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!