Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Notizie dall’Aifos. L’associazione ricevuta in Senato

Pubblicità

Il primo giorno di lavoro di ogni lavoratore dedicato alla formazione sui rischi; applicazione dell’obbligo del “libretto formativo”; un sistema omogeneo obbligatorio per tutti di formazione continua ricorrente nel tempo; revisione dei sistemi attuali e definizione di un registro dei soggetti responsabili della formazione; monitoraggio della formazione svolta e dei risultati ottenuti.

Sono queste alcune delle proposte presentate dall’Aifos in una audizione alla Commissione Parlamentare sul fenomeno degli infortuni sul lavoro, avvenuta nei giorni scorsi presso il Senato.

La delegazione dell’Aifos era composta da Giancarlo D Andrea, Francesco Cuccuini, Ettore Bussi, Chiara Bussi, Walter Cuminetti e Carlo Rusconi.
Nel corso della audizione erano anche presenti i vertici del Comitato di Vigilanza INAIL e della ANMIL.
La delegazione Aifos ha illustrato e presentato una memoria sulla formazione e sulla necessità della sua effettività quale momento fondamentale della prevenzione per la sicurezza sul lavoro.

L’importanza di una formazione efficace, che non sia svolta solo a livello cartaceo-burocratico, è testimoniata dal fatto che l’80% degli infortuni è correlata a comportamenti errati.
Solo una vera formazione sulla sicurezza, sostiene l’Aifos, può concorrere positivamente alla riduzione del fenomeno infortunistico.

Oltre a proporre nuove interventi, l’associazione richiede di indirizzare ed organizzare al meglio le norme esistenti verso l’effettività della formazione, del suo aggiornamento e della formazione continua per la prevenzione degli infortuni sul lavoro.
“Semplici provvedimenti amministrativi, coerenti e chiari, validi su tutto il territorio nazionale devono indirizzare verso una nuova sensibilità e responsabilità della formazione che non deve restare un proclama – da tutti condiviso – e da pochi attuato sul serio.”

Al termine dei lavori il presidente della Commissione, il sen. Tofani, ha ringraziato anticipando che questo è stato il primo incontro cui ne seguiranno altri e si e felicitato per il lavoro svolto dall'Aifos e del contributo portato in sede di Commissione.

Il testo ufficiale presentato dall'Aifos alla Commissione di Inchiesta sugli Infortuni sul Lavoro e sulle "morti bianche" nella audizione del 5 giugno 2007.

Creative Commons License
Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!