Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

La qualificazione dei formatori per la sicurezza

23/04/2012: Approvati dalla Commissione Consultiva i criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e la sicurezza sul lavoro. Lorenzo Fantini, dirigente del Ministero del lavoro, ne illustra i punti principali e i tempi di entrata in vigore.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Sono stati approvati lo scorso 18 aprile dalla Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro istituita presso il Ministero del lavoro i “Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro”, così come previsto dall’articolo 6, comma 8, lett.m-bis del Decreto Legislativo n. 81/2008.
 
Per approfondirne gli aspetti più significativi PuntoSicuro ha intervistato il Dott. Lorenzo Fantini, dirigente responsabile della Divisione Promozione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro del Ministero del lavoro e uno dei principali referenti per l’attuazione del Testo Unico di salute e sicurezza sul lavoro.

Pubblicità
MegaItaliaMedia

 
Innanzitutto, il Dott. Fantini evidenzia come il documento appena approvato dalla Commissione consultiva rappresenti il tassello per completare gli Accordi del 21 dicembre sulla formazione dei lavoratori, che ricordiamo, si limitavano a definire, come requisito minimo per i docenti, un’esperienza professionale o di insegnamento almeno triennale, previsione molto generale e che pone una serie di problemi di attuazione. Volutamente gli accordi non definivano ulteriori requisiti proprio in quanto i criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro erano in fase avanzata di definizione nell’ambito dei lavori della Commissione consultiva.
Il nuovo documento approvato definisce quindi i requisiti che devono essere in possesso dei formatori e che costituiranno per il datore di lavoro il punto di riferimento per valutare la qualità dell’offerta formativa e la congruenza con il quadro normativo.
 
Nel dettaglio, si tratta di una griglia di requisiti minimi, che prevede innanzitutto un prerequisito che vale per tutti i formatori (ad esclusione del datore di lavoro che effettua direttamente la formazione ai propri lavoratori) è che consiste nel possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado.
 
Oltre a questo prerequisito sono previsti ulteriori 6 criteri di qualificazione: per essere considerato qualificato il formatore-docente dovrà possedere il prerequisito ed almeno uno dei criteri elencati nel documento.
 
Ciascun criterio è articolato in ulteriori requisiti minimi per garantire la contemporanea presenza dei tre elementi fondamentali che devono essere posseduti da un docente-formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro: conoscenza, esperienza e capacità didattica. Non si tratta quindi di requisiti solo teorici ma c’è sempre la combinazione all’interno dei criteri di un elemento teorico e di uno pratico, quindi requisiti di studio uniti all’esperienza (salvo il caso del primo criterio che prevede come sufficiente alla qualificazione la precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, in quella che il documento definisce come “area tematica oggetto della docenza” [1]).
 
La griglia considera perciò diverse tipologie di studio, non solo nell’ambito della materia oggetto della docenza ma anche nell’area della comunicazione e della didattica, mettendo quindi in evidenza la capacità di essere docente. Comune a tutti i requisiti è infatti la necessità di una precedente esperienza come docente esterno negli ultimi 3 anni per almeno 32 ore. È un passo importante e fondamentale, - sottolinea il Dott. Fantini - coinvolgerà tutti i futuri formatori che dovranno quindi valutare la propria esperienza pregressa e reperire una specifica documentazione che la comprovi, documentazione che dovrà essere esibita ai datori di lavoro che richiederanno l’attività di formazione.
 
Non è invece prevista l’istituzione di un albo dei formatori, sarà il docente e il datore di lavoro che dovranno dimostrare tramite la specifica documentazione se la formazione erogata è coerente con le disposizioni del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro, all’organo di vigilanza o al giudice in caso di contestazione.
 
Sui lavori della Commissione, durati due anni, il Dott. Fantini mette in evidenza come siano stati la sintesi di diverse posizioni che hanno raggiunto alla fine un punto di convergenza: un esempio è un’ulteriore previsione specifica destinata ai datori di lavoro che non era prevista nella penultima stesura e che è stata inserita successivamente per venire incontro alle esigenze delle piccole e medie imprese, anche in relazione alla situazione economica attuale. La previsione specifica che i datori di lavoro possono svolgere attività formativa, nei soli riguardi dei propri lavoratori e solo se in possesso dei requisiti per lo svolgimento diretto dei compiti del servizio di prevenzione e protezione, con il solo prerequisito del diploma di scuola secondaria di secondo grado senza il possesso degli ulteriori requisiti definiti dal documento della Commissione.
Questa previsione è però transitoria – sottolinea il Dott. Fantini - per un periodo di 36 mesi (24 mesi dall’entrata in vigore dei criteri di qualificazione, che a loro volta entreranno in vigore 12 mesi dopo la pubblicazione). Al termine di questo periodo, il datore di lavoro che intenda svolgere direttamente l’attività formativa dovrà dimostrare di essere in possesso di uno dei 6 criteri definiti dalla Commissione.
 
L’entrata in vigore dei criteri di qualificazione dei formatori dopo 12 mesi, continua il Dott. Fantini, è stato un ulteriore punto dibattuto a lungo nella Commissione per la consapevolezza che il nuovo sistema imporrà regole più stringenti a cui tutto il mondo della formazione sulla sicurezza sul lavoro dovrà adeguarsi.
 
Da parte del Ministero del lavoro non c’è invece ancora una decisione definitiva sullo strumento giuridico con il quale i criteri di qualificazione saranno recepiti (il dott. Fantini sottolinea come questa avverrà nel più breve tempo possibile): il Decreto Legislativo 81/2008 prevede i compiti della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ma non ne definisce lo strumento giuridico di recepimento. Il Ministero sta quindi valutando se sottoporre i criteri di qualificazione a un accordo in sede di conferenza Stato-Regioni. È però allo studio anche l’ipotesi di approvazione con una specifica legge (con quindi tempi più lunghi di approvazione) se i criteri di qualificazioni dovessero essere intesi come destinati a un più ampio spettro della formazione e quindi non solo alla formazione definita dagli articoli 34 e 37 del Decreto Legislativo 81/2008 e dai relativi accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011. Il Dott. Fantini sottolinea però che l’impostazione su cui si sono espressi in modo concorde i componenti della Commissione è quella di limitare i criteri di qualificazione ai soli formatori per la salute e sicurezza sul lavoro, così come richiesti dagli articoli e dagli accordi appena citati. Il Dott. Fantini proporrà quindi agli uffici competenti del Ministero del Lavoro l’approvazione dei criteri di qualificazione tramite un accordo in sede di conferenza Stato-Regioni.
 
In questa ipotesi, è ipotizzabile un accordo in tempi rapidi, forse un mese, in considerazione della provenienza del documento dalla Commissione consultiva, sede già teatro di condivisione con i rappresentanti dei ministeri, delle regioni e delle province autonome (sulla scorta dell’esperienza recente, il Dott. Fantini non esclude però che vi possano essere in sede di Conferenza Stato-Regioni ulteriori contrattempi).
 
L’intervista di PuntoSicuro si conclude con un auspicio del Dott. Fantini: l’applicazione dei criteri di qualificazione dei formatori, unita all’applicazione degli accordi del 21 dicembre 2011 e a quello per l’utilizzo delle attrezzature del 22 febbraio 2012, accompagnata da una campagna ispettiva sulle distorsioni del panorama formativo – che il Dott. Fantini auspica – porteranno a selezionare quei soggetti formatori effettivamente capaci e in grado di erogare una formazione efficace che possa elevare i livelli di prevenzione e di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, mettendo invece fuori mercato quei soggetti che non sono in grado di garantirla.
 
 
Nota: in aggiunta ai temi trattati dal Dott. Fantini, aggiungiamo ulteriori due indicazioni per i formatori presenti nel documento approvato dalla Commissione consultiva: l’aggiornamento e la clausola di salvaguardia.

Ai fini dell’aggiornamento, il formatore-docente è tenuto con cadenza triennale, alla frequenza, per almeno 24 ore complessive nell’area tematica di competenza, di seminari, convegni specialistici, corsi di aggiornamento. Di queste 24 ore almeno 8 ore devono essere relative a corsi di aggiornamento. Oppure il docente deve effettuare un numero minimo di 24 ore di attività di docenza nell’area tematica di competenza.
 
La clausola di salvaguardia prevede invece che i formatori non in possesso del prerequisito (diploma di scuola secondaria di secondo grado) alla data di pubblicazione dei criteri di qualificazione, possono svolgere l’attività qualora siano in grado di dimostrare di possedere almeno uno dei criteri previsti dal documento.
 
 
Pietro de’ Castiglioni
 
L'intervista è a cura di Tiziano Menduto.
 


[1] INDIVIDUAZIONE DELLE “AREE TEMATICHE”. Il documento della Commissione definisce tre aree tematiche attinenti alla salute e sicurezza sul lavoro:
1. Area normativa/giuridica/organizzativa.
2. Area rischi tecnici/igienico-sanitari (nel caso di rischi che interessino materie sia tecniche sia igienico- sanitarie, gli argomenti dovranno essere trattati sotto il duplice aspetto).
3. Area relazioni/comunicazione.


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: CLAUDIO NINI23/04/2012 (08:06:30)
Altra carta, altri oneri su figure satellitari, altri costi....quando si inizierà a fare sicurezza seriamente?
Rispondi Autore: filippo verrillo23/04/2012 (20:10:34)
In periodo in cui si inneggia alla semplificazione ed alla liberalizzazione,con le ultime disposizioni scaturite dagli accordi stato regioni stiamo imboccando la strada giusta per non fare sicurezza ma solo tanta burocrazia. A breve sarà più un settore adatto ad un legale che ad un tecnico della sicurezza.
Rispondi Autore: Fabrizio Pizzorni26/04/2012 (07:48:03)
Nel mio caso specifico, la "carriera" di formatore è un' appendice abbastanza conseguente del mio lavoro di RSPP.
Sono assolutamente daccordo con la necessità, per un formatore, di essere sempre,il più possibile aggiornato, ma è anche la necessità di ogni RSPP se si vuole dare un efficace ed efficiente servizio al cliente/azienda.Pertanto, ogni RSPP è già aggiornato per la sua professione, senza altri obblighi(costosi) di ulteriori aggiornamenti che il più delle volte servono solo a mantenere strutture legate in qualche modo alla nomenklatura pubblica o a giustificare gli alti stipendi degli scribacchini di leggi e leggine.
Rispondi Autore: Paolo M. Crivelli28/04/2012 (09:29:13)
...E la montagna partori'un topolino.
Il processo di formazione e' complesso e va dalla analisi dei bisogni alla verifica del trasferimento in campo. Pertanto dovrebbe essere previsto un percorso qualificativo similare a quello 195 del RSPP (o integrativo al RSPP) che tenga conto dei momenti critici della progettazione, erogazione, verifica.
E' auspicabile che questo sia un provvedimento ponte in attesa di una revisione nei 18 mesi successivi.
Rispondi Autore: Gaias Salvatore28/04/2012 (09:41:02)
Di leggi sulla sicurezza ce n'erano e ce ne sono abbastanza da coprire tutti i campi possibili. Forse sarebbe interessante istituire la figura di HSE territoriale che controlli l'applicazione di tali leggi ed aiuti le imprese nello sviluppare una cultura della sicurezza senza interventi sanzionatori, ma di supporto.
Rispondi Autore: Michele Guerra29/04/2012 (15:38:16)
...90 ore in 3 anni: vengono premiati i formatori che non hanno mai visto un cantiere e che la formazione la fanno solo in aula!
Un consulente tecnico che quotidianamente risolve problemi in campo non potrà fare formazione e trasferire la sua esperienza agli altri. Inconcepibile! Siamo nella direzione opposta alla sicurezza.
Invece di pensare alla "Casta", pensiamo alla efficacia della formazione (di cui nessuno ne parla)
Rispondi Autore: walter de faveri02/05/2012 (09:00:20)
ancora non abbiamo capito che allontanando la docenza dal mondo del lavoro allontaniamo la sicurezza dal cantiere: la gente che attualmente si stà occupando dell'aspetto legislativo generale si stà dimostrando quantomeno inadatta al ruolo che stà svolgendo: è urgente che il sistema venga rapidamente riformato tramite la revisione totale dei vertici e di modalità operative.
Rispondi Autore: daniele piva08/05/2012 (10:30:53)
Sono RSPP da 18 anni.Mi sono sempre occupato di formazione, ma all'interno dell'azienda per cui lavoro. Proprio per la profonda conoscenza dell'azienda, mi riferisco in modo particolare alle persone, credo che la formazione fatta dal RSPP - quando è possibile farla - abbia un valore maggiore rispetto a quella effettuata da un docente esterno.
Rispondi Autore: Aldo Di Giandomenico04/06/2012 (09:38:43)
Il Sig. Michele guerra ha proprio ragione , ma che facciamo la sicurezza la mettiamo in mano a gente esterna che di sicurezza aziendale specifica non ne capisce una mazza , ma pensano solo agli euro , tanto il responsabile è solo il datore di lavoro
Rispondi Autore: attiliomacchi17/07/2012 (13:01:02)
...sabato mattina docenza di 4 ore modulo C, formazione ai lavoratori: sino a quando mi trovo davanti ragazzini neolaureati che fanno formazione ai lavoratori, perchè mandati allo sbando da...non se ne esce. I ragazzi si erano fatti la domanda: posso fare il formatore ma sino a quando "pregiati" responsabili di "pregiate" associazioni nazionali li tranquillizzano con "hai una laurea triennale puoi fare tutto", non se ne esce...è il sistema che sta sui tavoli che è marcio e colluso. Intanto che ci sono sparo un colpo verso Enti Bilaterali fantasma, pare ci sia stata definizione puntuale di chi sono OOPP e/o EB...che si faccia piazza pulita..."A midsummer night's dream" Shakespeare!!!
Rispondi Autore: Sandro 1000SP07/11/2012 (09:25:05)
......Grazie a Dio chi ha commentato dimostra che vive nei "campi". Prendiamo con filosofia tutto ciò che ci casca addosso, ma sempre con il fine ultimo: abbiamo una missione, quella di far capire ai lavoratori come si lavora in sicurezza senza dover mettere a repentaglio la nostra integrità fisica e muoversi agilmente nelle anse della burocrazia Italiana. Tornare a casa come siamo usciti. Comunque mi diverto molto quando noto.........neolaureati o neoRSPP "cartacei" che pretendono l'applicazione della mera e pura legislazione. Ecco, mi sovviene, uno dei requisiti da introdurre dovrebbe essere l'aver lavorato per almeno tre anni nelle realtà in cui s'intende poi perseguire l'attività di Formatore della Sicurezza. Come si fa a formare un lavoratore all'uso sicuro di una attrezzatura quando non l'ho mai usata o almeno conosciuta? E come se venissimo formati alla guida dell'autovettura da un istruttore che non guida....ma ha l'attestato d'istruttore!......buon divertimento a tutti e sempre grazie a Punto Sicuro.
Rispondi Autore: Enzo28/01/2013 (14:31:04)
si parla sempre di sicurezza fatta attraverso complicate normative che hanno il più delle volte diverse interpretazioni. Ma non si parla mai di cantieri e della loro quotidianeità nella risoluzione di problemi inerenti alla sicurezza. Un formatore dovrebbe innanzitutto avere esperienza di cantiere e poi essere formato alla formazione. è come un chirurgo che ha letto tremila libri ma non è mai entrato in una sala operatoria. Quindi io metterei come requisito primario l'aver esplicato mansioni come Direttore tecnico di cantiere per lameno 3-4 anni e non CSE o CSP che di sicurezza si riempono la bocca ma alla fine solo per non incappare in verbali e vengono in cantiere 1 ora a settimana. Mi dite Voi come un CSE possa coordinare la sicurezza di un cantiere se viene in cantiere 1-2 ore a settimana. è soltanto una bufala inventata dalle caste degli ordini. Questa figura dovrebbe essere inquadrata all'interno dell'impresa esecutrice, solo così si può fare sicurezza. Basta con RSPP esterni eccc.. l'impresa che sa fare il suo lavoro lo deve saper gestire anche sotto l'aspetto della sicurezza. Diversamente non è un'impresa ma una finta impresa.
Rispondi Autore: Fausto Macchi19/03/2013 (09:15:45)
Noto anch'io con grande dispiacere che la volontà del legislatore è encomiabile ma come al solito staccata profondamente dalla realtà. Mi piacerebbe vedere uno di questi "pensatori" ad organizzare un corso di formazione lavoratori (4 ore + 12) in una ditta artigianale della mia zona ....
Rispondi Autore: Giorgia Porcedda09/05/2013 (17:54:12)
Mi è sembrato di capire che la si regolarizzano i formatori che già hanno un'esperienza nel campo, ma chi non ha mai insegnato e vorrebbe iniziare cosa deve fare?
Rispondi Autore: cippa lippa10/05/2013 (08:54:46)
...è stato scritto che ero solo un "disturbatore" ma vedo invece che il mio modo di pensare non è l'unico. i formatori possono solo fare la teoria ma penso sia giusto anche fare l'affiancamento nella pratica a chi ha esperienza...

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!