Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Condanne per la morte di un operaio

Redazione
 Redazione
 Edilizia
01/02/2000: Il ponteggio sul quale il giovane lavorava non aveva i dispositivi di sicurezza idonei: condannati il titolare della ditta di ponteggi ed il caposquadra del cantiere.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Si e' conclusa con due condanne per omicidio colposo la vicenda giudiziaria riguardante la morte di un operaio edile: un anno di reclusione per il titolare della ditta che aveva allestito il ponteggio e 8 mesi di reclusione per il caposquadra del cantiere.

L'infortunio mortale avvenne a Busto Arsizio nel febbraio 1995. La vittima, un operaio ventottenne, si trovava al sesto piano di un ponteggio allestito per la ristrutturazione di un palazzo, quando, sporgendosi dalla scala esterna, cadde nel vuoto.

Le perizie tecniche hanno accertato che il ponteggio non era dotato degli idonei dispositivi per garantire la sicurezza.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!