Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

PRD 100: il nuovo rilevatore di radioattività per uso individuale

PRD 100: il nuovo rilevatore di radioattività per uso individuale
Redazione
 Redazione
 PUBBLIREDAZIONALE
07/05/2015: Un nuovo strumento leggero, pratico e preciso nei controlli di presenza delle sorgenti radioattive più pericolose per esseri umani, animali e ambiente. Tutelare la propria salute e l'ambiente significa proteggere la vita di tutti.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

PRD 100 è un nuovo strumento di protezione individuale leggero e pratico, facile da usare, rapido e preciso nei controlli di presenza di sorgenti radioattive di tipo Beta e Gamma, le più pericolose per gli esseri umani, gli animali e l'ambiente.
 
Uno dei principali problemi legati alla radioattività di alcune sostanze e materiali, peraltro di origine naturale, è la totale invisibilità delle radiazioni. I nostri sensi infatti non possono percepire l' energia delle radiazioni, come invece avviene, in condizioni normali, per la luce, i rumori, i suoni, gli odori, le vibrazioni, ... Come nel caso di gas velenosi e pericolosi, per noi privi di odore, occorrono degli strumenti adeguati per poterli rilevare tempestivamente e allontanarsi rapidamente.
 
Pubblicità
PRD 100 - Personal Radiation Detector
Il dispositivo elettronico per rilevare tempestivamente la presenza di radiazioni pericolose di tipo Beta e Gamma

 
A cosa serve
PRD 100 è in grado di rilevare la presenza di pericolo per la salute a causa della propria vicinanza ad una o più fonti di radiazioni pericolose.
Il tutto avviene entro pochi secondi e senza alcuna approfondita preparazione scientifica in materia di radioattività. L'uso del sensore ci evita prolungate esposizioni a materiali, oggetti o beni di uso quotidiano o presenti negli ambienti in cui viviamo, lavoriamo, ove trascorriamo il nostro tempo libero, studiamo, giochiamo, trascorriamo le nostre vacanze, dove pratichiamo regolarmente il nostro sport preferito e tante altre attività all'aria aperta.
 
 
A chi si rivolge
Il dispositivo è stato progettato per un impiego quotidiano da parte di privati cittadini, forze dell'ordine, protezione civile e tutte le cooperative di professionisti e gruppi di volontariato impegnati attivamente nella raccolta, gestione e trasporto di beni e rifiuti.
È inoltre uno strumento di autotutela, particolarmente utile per tutte le persone attive nei servizi di trasloco e sgombero di aziende, garage, appartamenti, uffici, archivi, cantine, servizi ambientali, manutenzione di immobili, manutenzione e pulizia di spazi pubblici, raccolta e gestione dei rifiuti, trasporto di beni e spedizioni internazionali di apparecchiature mediche, importatori di materie prime, semilavorati e prodotti dall'estero, … comitati e gruppi spontanei per la tutela, la sorveglianza ed il recupero ambientale.
 
Come funziona
PRD 100 può essere usato in modalità stand-alone come semplice rilevatore, grazie ad un semplice display a led colorati ed un cicalino interno.  Attivata la modalità Wireless, il sensore  può diventare anche una estensione di terminali mobili come Smartphone e Tablet Android, abbinabile per mezzo di una apposita APP gratuita. 
In questo modo è possibile condividere on-line le rilevazioni eseguite e persino notificare alert a distanza. Ciascun utente può così documentare ed informare rapidamente i colleghi, gli amici, le forze dell'ordine e gli altri addetti ai lavori, circa i risultati dei controlli effettuati.
 
Il problema della radioattività
Il pericolo del contatto o esposizione delle persone a materiali radioattivi, sostanze o rifiuti pericolosi che emettono radiazioni di tipo Beta e Gamma, è un problema di recente sempre più sentito.
I media nazionali riportano periodicamente notizie di individuazione di discariche abusive, ritrovamenti di beni e materiali pericolosi, contaminazioni di ogni genere.
 
Le "ecomafie" e la criminalità organizzata, da tempo impegnati in nuovi business ecologici, disperdendo e nascondendo materiali pericolosi nel territorio, hanno contribuito ad aumentare i rischi per la salute dei cittadini, incrementando i danni ed il degrado ambientale anche in luoghi al di sopra di ogni sospetto.
Il ritrovamento di materiali pericolosi va gestito in modo estremamente serio, i materiali devono essere trattati e trasportati in modo rigoroso, in quanto possono determinare gravi danni alla salute, sia a medio che a lungo termine.  Le malattie conseguenti ad una prolungata o intensa esposizione alle radiazioni Beta e Gamma, nei casi più gravi, sono spesso irreversibili.
 
Oltre ad una scarsa cultura nel settore in materia di radioattività, la carenza dei controlli nei porti e nelle dogane (mercato libero) ha causato l'introduzione nel nostro paese di utensili, accessori, beni e materiali provenienti da paesi di tutto il mondo e spesso costruiti con materiali di recupero o sostanze pericolose (vernici, metalli, minerali, paste o polveri radioattive).
Sono ancora nella memoria di molte persone, e tranquillamente ritrovabili anche su Internet, le cronache dei ritrovamenti di legname, pellet, giocattoli, utensili da cucina, pentole e coperchi, vassoi, parti metalliche di diverso genere, ceramiche, vetri, cibi, suppellettili, orologi, vasi, vernici, .... contaminati da sostanze radioattive e quindi pericolose.
 
 
L'elevato costo delle apparecchiature di solito impiegate nei laboratori ha sempre reso difficile l'utilizzo di questi strumenti di monitoraggio in campo, da parte di ogni singolo operatore. 
Ecco che i controlli sono da sempre stati sempre eseguiti a campione, solo nei casi in cui esistesse un "sospetto" di presenza di materiali pericolosi. 
Parlando di sicurezza e tutela delle persone, questo genere di controlli eseguiti saltuariamente non risultano efficaci.  È come se in cantiere edile, ci mettessimo l’ elmetto di protezione solo nell'istante in cui vediamo cadere un oggetto dall'alto, sopra la nostra testa.
 
Le caratteristiche distintive di PRD 100
Con il sensore PRD 100 si è voluto realizzare un dispositivo leggero, facile da usare anche per il personale non esperto, ed inoltre economico, per diventare uno strumento finalmente alla portata di tante persone. 
Gli ideatori e progettisti italiani hanno voluto così favorire l'impiego dello strumento ovunque serva una rapida e capillare verifica preventiva di sicurezza.
La rilevazione del pericolo si effettua accendendo il sensore con un semplice pulsante ed avvicinandolo a pochi centimetri dai beni, materiali o sostanze da controllare. Nel giro di pochi secondi il dispositivo visualizza il responso accedendo dei led colorati, fino al grado massimo di rilevazione determinato dai led arancioni e rosso, che significano forte pericolo.
 
PRD 100 racchiude in sé le più moderne tecnologie digitali, si usa con una sola mano, è trasportabile, viene alimentato da sole 3 batterie stilo AA (di tipo Alcaline e/o Ricaricabili), e dispone della funzione Bluetooth. La modalità Wireless consente il salvataggio e lo scambio dei dati in tempo reale, fruendo delle potenzialità e diffusione di strumenti come Smartphone/Tablet, GPS per geolocalizzazione, e dei servizi come Social Network, e-mail, banche dati ed archivi online, mappe online.
 
Chi lo produce e  dove si acquista
Il rilevatore PRD 100 viene distribuito in Italia da Mega Italia Media srl.
 
 
Per avere ulteriori informazioni sul rilevatore PRD 100:  Staff PRD 100, info@prd100.com, telefono +39 030 2586071, http://www.prd100.com 
 
 
 
Per informazioni sull’acquisto del sensore PDR 100 contattare Mega Italia Media S.r.l. - Via Roncadelle 70A, 25030 Castel Mella – Brescia - Tel. +39.030.5531802 - https://www.megaitaliamedia.com/it/
 
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

 

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: Giovanni
07/05/2015 (10:17:13)
L'articolo è interessante, e a circa metà lettura ci si accorge del carattere smaccatamente pubblicitario. Ma non dovreste differenziare i caratteri editoriali di una informazione pubblicitaria rispetto a quelli abitualmente utilizzati per l'informazione senza finalità di vendita? Temo che il blando e invisibile riferimento "Cat: PUBBLIREDAZIONALE" sia un po' poco.
Rispondi Autore: carolina manfredini
17/05/2015 (17:43:57)
Quindi andrebbe consegnato gratuitamente a ogni petsona

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!