Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
  

Radar anticollisione per le automobili

20/01/2005: I radar a corto raggio, che rilevano il pericolo di collisione e attivano il sistema di frenata, saranno disponibili dal secondo semestre 2005.
Pubblicità


Dal luglio 2005 dovrebbero essere disponibili per le automobili i radar a corto raggio capaci di rilevare i pericoli di collisione e di attivare automaticamente il sistema di frenata.
L’utilizzo di questi dispositivi consentirà di ridurre la gravità delle collisioni.
Grazie ad una decisione della Commissione europea è stata assegnata una banda di frequenza speciale ai radar di corta portata. La decisione è parte del programma d’azione europeo per la sicurezza stradale che mira a dimezzare entro il 2010 il numero delle vittime della strada.

“La decisione adottata – afferma il commissario europeo Viviane Reding – apre le bande radio ai radar di corta portata mentre impedisce le interferenze con altri importanti utilizzatori di queste frequenze. La Commissione fornisce anche una base giuridica solida per diffondere la tecnologia dei radar a corto raggio sul mercato europeo. Spero che l’industria automobilistica aprofitterà pienamente di questa occasione”.

Per permettere l’utilizzo di questi radar bisognava liberare una banda di frequenza che copriva il territorio dell’UE. Tutte le frequenze radio erano utilizzate, la difficoltà consisteva nel fare funzionare i radar a corto raggio nelle bande di frequenza utilizzate da altri importanti servizi come la telefonia mobile, satelliti meteorologici, radar della polizia. La Commissione ha dovunque dovuto assicurarsi che i radar a corto raggio non andassero a interferire con le atre applicazioni. La Commissione ha quindi chiesto al CEPT (Conferenza europea delle Amministrazioni delle Poste e delle Telecomunicazioni) di mettere a punto fin nei minimi dettagli i mezzi tecnici necessari per evitare le interferenze.


Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!

Ti potrebbero interessare anche


Commenti:


Rispondi Autore: Ettore martorana29/11/2016 (10:47:10)
Sarebbe ora che ci si aggiornasse
Rispondi Autore: Ettore Martorana19/03/2017 (18:32:40)
Milano non conosco l'inglese Grazie

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: