960x90 WKI settembre ISL
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

29 ottobre 2008 - Cat: Varie
  

Le immagini dell'insicurezza: il muletto e' un ascensore?


Un’immagine che rappresenta una consuetudine, ma anche un classico dell’insicurezza: l’utilizzo di mezzi utili allo spostamento di merci come piattaforme elevatrici per operatori.

Pubblicità
google_ad_client

Non è la prima volta che PuntoSicuro pubblica delle immagini che rappresentano uno scorretto utilizzo di mezzi che dovrebbero essere usati esclusivamente per il trasporto di merci, e non di persone. Spesso infatti le attrezzature per sollevare carichi, come i carrelli elevatori, vengono usate come piattaforme elevatrici per operatori.
 


---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





Inutile sottolineare la pericolosità di questa cattiva “abitudine” che non rispetta la normativa sulla sicurezza sul lavoro e mette in serio pericolo gli operatori. Unica eccezione sarebbe l’utilizzo di appositi cesti (o navicelle) disponibili come accessorio proprio per trasformare queste attrezzature in sicuri elevatori per le persone.
 
Ecco le immagini di un “perfetto” utilizzo di un carrello elevatore come un "ascensore"…
 
clicca sulle immagini per vederle ingrandite
 

 

 
 
 Federica Gozzini
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: