LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

07 gennaio 2016 - Cat: Rischio stradale, itinere
  

Incidenti stradali e sicurezza


Analisi delle circostanze e proposte operative per la riduzione degli infortuni stradali in occasione di lavoro ed in itinere.

Pubblicità

 
Il muoversi sulle strade è senz’altro necessario nella vita quotidiana di ognuno e l’organizzazione delle nostre città ci porta a percorrere ogni giorno lunghi tragitti per motivi più o meno strettamente legati all’attività lavorativa. Gli incidenti stradali rappresentano quindi un problema rilevante di sicurezza sul lavoro, non solo per i conducenti professionali o per chi usa il veicolo per spostamenti di lavoro, come ad esempio i trasportatori, i rappresentanti di commercio, i conducenti ed altre categorie di lavoratori ma anche per chi sulle strade lavora alla manutenzione e per tutti i pendolari.


Pubblicità
Guida sicura - 1 oraLavoratori - Guida sicura - 1 ora
Informazione ai lavoratori sui rischi specifici ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/2008
 
Se ne è discusso a Mantova il 16 novembre 2015 nel Workshop “Incidenti stradali e sicurezza. Analisi delle circostanze e proposte operative per la riduzione degli infortuni stradali in occasione di lavoro ed in itinere” organizzato da ASL, INAIL e Provincia di Mantova con il contributo di Associazioni, epidemiologi ed esperti della materia. L’occasione ha permesso di presentare i risultati di una specifica ed innovativa ricerca condotta nella provincia di Mantova (Studio del fenomeno infortunistico degli incidenti stradali  in occasione di lavoro ed in itinere nella provincia di Mantova cause e circostanze) oltre ad offrire l’opportunità di confronto sulle misure preventive che le aziende possono adottare per il contrasto del fenomeno.
Uno spazio è stato dedicato alle esperienze dirette di alcuni protagonisti di incidenti stradali ed uno alla presentazione delle attività di prevenzione in atto presso aziende private ed enti pubblici.
Le tre sessioni sono presentate con le slide ed i relativi commenti dei relatori ripresi durante il loro contributo. Sono presenti, negli atti congressuali che verranno messi sul sito della ASL di Mantova www.aslmn.it anche due cortometraggi sul tema dell’incidentalità stradale (uno di questi – “Il buio, … all’improvviso” - sarà disponibile non appena ricevute le autorizzazioni SIAE).
Per informazioni scrivere a michele.montresor@aslmn.it
 
 
 
Contributo SNOP per la tavola rotonda su incidenti stradali e lavoro
a cura di Antonia Guglielmin e Tino Magna
Gli incidenti stradali sono un fenomeno di grande rilievo per la sanità pubblica, sia in termini di cittadini che di lavoratori, insieme a quest’ultimi ne sono coinvolti anche le aziende.
Non si può negare invero che tale tema è stato scarsamente affrontato dai Servizi di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro delle ASL e quasi totalmente delegato a soggetti specializzati.
Si osservano però alcune eccezioni come in Emilia Romagna, Veneto e Lombardia.
Un evoluzione positiva deriva certamente dall’inserimento nel Piano Nazionale della Prevenzione con il macro obiettivo: prevenire gli incidenti stradali e ridurre la gravità dei loro esiti.
Tale obiettivo è presente anche nei Piani Regionali della Prevenzione anche se in misura limitata se ci riferiamo alla questione degli incidenti stradali in occasione di lavoro.
E parere dell’Associazione SNOP che sarebbero necessari due distinti ma fortemente integrati percorsi per la riduzione del fenomeno:
1. VALUTAZIONE DEL RISCHIO;
2. RICOSTRUZIONE DELLA DINAMICA DEGLI INCIDENTI.
 
All’interno di ogni ASL si potrebbero avviare specifici percorsi formativi del tipo:
1. FORMAZIONE
- Formazione degli operatori su questo tema
- Corsi con Medici Competenti delle aziende di trasporto e di quelle critiche
- Ricostruzione della dinamica degli incidenti vedi anche Laboratorio Incidenti Stradali Regione Lombardia
- Raccolta Buone Pratiche
- Formazione congiunta con altri Enti e Polizia Municipale
- Formazione dei lavoratori su temi specifici
2. CONOSCENZA
- del percorso di valutazione del rischio da incidenti stradali, seguito dalle aziende iniziando da quelle che nel sistema Flussi informativi INAIL /Regioni hanno molti incidenti stradali ad esempio più di 10 infortuni stradali negli ultimi anni e quelle note al Servizio e da quelle segnalate nell’ambito dei Protocolli con Polizia Municipale (CHI)
- delle misure messe in atto per monitorare e contenere il problema e delle misure che ogni organizzazione aziendale intende seguire per garantire il miglioramento nel tempo del livello di salute e sicurezza (COME)
 
Anche sulla base di esperienza già in atto da tempio quali:
ASL di MILANO:
- Selezione delle aziende critiche( Flussi, comparto trasporti…) invio di una scheda di autoesame su mezzi come attrezzature, ruolo del medico competente nella valutazione del rischio e nella formazione, analisi degli incidenti stradali, soluzioni etc. Oggi infatti il sistema informativo permette la individuazione delle aziende a maggior rischio ( ad esempio in questo caso aziende che avevano avuto più di 10 infortuni stradali..) o aziende del comparto trasporto merci, passeggeri….
- Ritorno alle aziende: lettera di riscontro, incontri, verifiche
- Corso con i Medici Competenti su questo tema
- Laboratorio Regionale
 
ASL di BOLOGNA:
Controllo:
- Individuazione delle aziende su cui effettuare i controlli dai flussi e/o tra quelle trasmesse dalle Polizia Municipali sulla base di specifici protocolli di scambio informativo contravvenzionate per violazioni al Codice della Strada
- Verifica di valutazione del rischio, attività di Informazione e formazione, sorveglianza sanitaria, adozione di procedure sulla base di una griglia di valutazione Costruzione di reti di interscambio informativo periodico con la Polizia Municipale Incidenti stradali Con feriti/deceduti che coinvolgano un conducente professionale a prescindere dal tipo di mezzo
- violazioni amministrative e Contravvenzioni elevate ai conducenti di mezzi di portata superiore a 35q. di ditte aventi sede nella provincia di Bologna, relative a condizioni del mezzo, rispetto dei tempi di guida e di riposo, guida sotto l’influenza di alcol o di alterazioni da sostanze stupefacenti
 
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: