LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Scuola: stress, burnout e identikit dell’insegnante a rischio


Disponibile in rete un documento che si sofferma sui rischi del personale docente di sviluppare patologie psichiatriche. L’identikit dell’insegnante a rischio, i sintomi del burnout, i fattori di rischio psicosociale e di rischio stress.

Pubblicità

Gravellona Toce (VB), 9 Apr – Secondo alcune ricerche la categoria dei docenti nella scuola risulta particolarmente esposta al rischio di sviluppare patologie psichiatriche.
Di fronte a questi risultati è evidente quanto sia rilevante una idonea  valutazione del rischio stress lavoro correlato e dei rischi psicosociali nella scuola.

Pubblicità
<#? QUI-PUBBLICITA-MIM-[AC6001 ?#>

Torniamo a parlare di stress nel mondo della scuola in relazione a quanto contenuto in un documento, pubblicato sul sito dell’ I.C. Gravellona Toce, dal titolo “Personale scolastico - formazione sui temi della sicurezza - rischi psicosociali e stress lavoro-correlato”.
 
A proposito di patologie psichiatriche e di burnout, il documento riprende alcune indicazioni tratte dal volume “Scuola di follia” di V. Lodolo D’Oria che ricordano come in Italia la “famiglia educa sempre meno e delega sempre più la scuola: cioè gli insegnanti”. Tuttavia i genitori se riconoscono la difficoltà e la fatica del proprio essere educatori, “la negano ai precettori dei propri figli”. E gli stessi insegnanti non si rendono conto che il loro mestiere comporta il logoramento psicofisico: “chi educa e insegna spende, nel bene o nel male, un mare di energie e di conseguenza, a seconda delle risorse personali e delle capacità di gestirle, ciascuno può andare dapprima incontro a situazioni di stress, ed in seguito, passando attraverso il burnout, scivolare nella psicopatologia”.
 
Nel documento che presentiamo si ricorda che con il termine “rischi psicosociali” si può intendere “l’insieme delle variabili organizzative, gestionali, ambientali e relazionali che possono causare un danno psicologico, sociale o fisico alle persone” (Cox & Rial-Gonzales, 2002). E tali rischi possono “determinare effetti negativi in termini di efficienza e di immagine a livello organizzativo, economico, sociale e ambientale” (De Carlo, Falco & Siragusa, 2008).
 
Sono riportati alcuni fattori di rischio psicosociale:
- aspetti ambientali: rumorosità; vibrazioni; variazioni di temperatura, ventilazione, umidità; carenze nell’igiene ambientale;
- caratteristiche del lavoro: a) contesto del lavoro (funzione e cultura organizzativa; ruolo nell’organizzazione; sviluppo di carriera; modalità di presa di decisione, stili di gestione e di controllo; relazioni interpersonali; mobilità e trasferimenti; equilibrio tra lavoro e vita privata); b) contenuto del lavoro (tipo di compito; carico, ritmi e orari di lavoro).
 
Il documento si sofferma anche sulla definizione e sulla diffusione dello stress.
 
Riguardo a quest’ultimo aspetto si riportano i dati di una indagine sulle condizioni di salute e di lavoro di lavoratori italiani (Fondazione Europea di Dublino, 2006):
- Stress 27%;
- Mal di schiena 24%;
- Fatica complessiva 24%;
- Dolori muscolari 23%;
- Mal di testa 17%.
 
Sono riportati anche i fattori di rischio riguardo allo stress con riferimento a:
- fattori oggettivi: Organizzazione e processi di lavoro (pianificazione dell’orario di lavoro, grado di autonomia, grado di coincidenza tra esigenze imposte dal lavoro e capacità/conoscenze dei lavoratori, carico di lavoro, ecc.); Condizioni e ambiente di lavoro (esposizione ad un comportamento illecito, al rumore, al calore, a sostanze pericolose, ecc.); La comunicazione (incertezza circa le aspettative riguardo al lavoro, prospettive di occupazione, un futuro cambiamento, ecc.); Fattori soggettivi (pressioni emotive e sociali, sensazione di non poter far fronte alla situazione, percezione di una mancanza di aiuto, ...);
- fattori soggettivi: Percezione soggettiva di stress (distress psichico); Manifestazioni emotive (ansia, tensione, irritabilità, Insicurezza ...); Manifestazioni cognitive (difficoltà di concentrazione, scarsa memoria …); Comportamenti disfunzionali ( abuso di alcol, tabagismo, farmaci …); Comportamenti sintomatici di stress (aggressività, fuga, Isolamento …).
 
Infine il documento si sofferma sulle forme “estreme” di disagio negli ambienti di lavoro, con riferimento al burnout e al mobbing.
 
Con il burnout siamo di fronte a una “ forma particolare di stress lavorativo, che fa sentire chi ne è colpito senza via d'uscita, ‘bruciato’, ‘consumato dal proprio lavoro’”.
Il burnout “colpisce le ‘professioni d'aiuto’: infermieri, medici, insegnanti, assistenti sociali, poliziotti, operatori di ospedali psichiatrici.
 
Questi i sintomi del burnout:
- “esaurimento emotivo: sensazione di essere svuotato e annullato dal proprio lavoro;
- spersonalizzazione: atteggiamento di allontanamento e di rifiuto nei confronti degli utenti;
- ridotta realizzazione personale: percezione della propria inadeguatezza al lavoro, e sentimento di insuccesso nel proprio lavoro;
- sintomi somatici: senso di stanchezza ed esaurimento, tachicardia, cefalee, nausea, insonnia, ecc.;
- sintomi psicologici: depressione, bassa stima di sé, senso di colpa, sensazione di fallimento, rabbia e risentimento, alta resistenza ad andare al lavoro ogni giorno, indifferenza, negativismo, isolamento, sospetto e paranoia, rigidità di pensiero e resistenza al cambiamento, cinismo, atteggiamento colpevolizzante nei confronti degli utenti”.
È frequente l’abuso di alcool o di farmaci.
 
Riportiamo, in merito al rischio di sviluppare patologie psichiatriche, alcuni tratti caratteristici dell’insegnante a rischio con riferimento ai risultati di uno studio condotto tra gli insegnanti della provincia di Milano (da cui prende il via il libro di Lodolo D’Oria):
- “anzianità di servizio (superiore ai 20 anni, “quasi a testimoniare lo stretto legame tra usura psicofisica e insegnamento”);
- aggressività (verso colleghi, studenti, genitori e dirigente);
- mania di persecuzione (effetto di mobbing riflesso);
- trasferimenti frequenti;
- assenze (con frequenza crescente, per numero e quantità, con l’aggravarsi del quadro psicopatologico);
- accanimento verso eventuali studenti disabili”.
Generalmente l’insegnate a rischio: “ha bassa autostima, è costantemente preoccupato e si sente incompreso. Tende ad isolarsi, possiede una vita privata povera di stimoli, manifesta comportamenti ossessivo-compulsivi, a loro volta dettati da un perfezionismo esasperato. È tipicamente ansioso, nevrotico, impulsivo, litigioso, ambizioso, incapace a mediare, aggressivo, ostile, idealista e con una forte componente onirica, che lo sgancia dalla realtà”.
 
Infine ricordiamo che il documento si sofferma anche sulla valutazione del rischio stress e sul Benessere Organizzativo.
In particolare il benessere organizzativo è inteso come “la capacità di un’organizzazione di promuovere e mantenere il benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori. Un costrutto multidimensionale, determinato e influenzato da diversi fattori, sia a livello individuale e di gruppo, sia organizzativo”.
 
 
Personale scolastico - formazione sui temi della sicurezza - rischi psicosociali e stress lavoro-correlato”, IC Gravellona Toce - Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole (formato PDF, 705 kB).
 
 
Tiziano Menduto
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: BRUNO QUINTORIO09/04/2014 (13:33:34)
QUESTO E' TEORIA PURA
SONO 20 ANNI CHE MI OCCUPO DELLE SCUOLE COME RSPP
L'ANALISI DEL RISCHIO CHE IL DECRETO 81 RICHIEDE AGLI RSSP FA RIFERIMENTO ALLE EVIDENZE OGGETTIVE.
MA SE NOI ANALIZZIAMO LA SITUAZIONE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NON SOLO IN RIFERIMENTO ALLE STRUTTURE (IN GRAN PARTE NON CORRISPONDENTI AI CRITERI DI SICUREZZA)MA CI SOFFERMIAMO ALLA SOLA ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E' CHIARO A TUTTI COME UN PRECARIO, UN PENDOLARE, UN DOCENTE DI SOSTEGNO NON SOPPORTATO ADEGUATAMENTE NELLA SUA FUNZIONE, LA MANCANZA DI PERSONALE PER IL CONTROLLO DEGLI SPAZZI COMUNI,LA SENSAZIONE DI NON CONTARE NIENTE NEGLI ORGANISMI COLLEGIALI ( CONSIGLIO DI CLASSE, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COLLEGIO DEI DOCENTI, GRUPPO PER IL GLH ETC..)
IO DICO CHE SOLO IL 20% DEI DOCENTI, PER CAPACITA' PERSONALI E' IMMUNE AL RISCHIO DELLO STRESS CORRELATO AL LAVORO TUTTI GLI ALTRI (SPECIALMENTE IL PERSONALE FEMMINILE) E' AD ALTO RISCHIO STRESS.
QUANTO HO DICHIARATO E' STATO ANCHE RATIFICATO NEI DUE CONVEGNI CHE HO ORGANIZZATO CON DOCENTI UNIVERSITARI INAIL DIREZIONE REGIONALE LAZIO E DIRIGENTI ASL.
NON DIMENTICHIAMO CHE QUASI NESSUNA SCUOLA NOMINA IL MEDICO COMPETENTE, A MIO PARERE SOLAMENTE PER MANCANZA DI FONDI. E IO PERSO CHE TRA NON MOLTO L'EUROPA CI SANZIONERA'
PER QUESTA MANCANZA. LO STRESS CORRELATO AL LAVORO E' SENZA OMBRA DI DUBBIO UN RISCHIO CHE NELLE SCUOLE NECESSITA DELLA NOMINA DEL MEDICO COMPETENTE.
Rispondi Autore: Marco Micheli09/04/2014 (15:00:41)
I fattori che determinano l'esposizione al rischio stress lc per gli insegnanti non possono essere attribuiti solo a fattori interni all'organizzazione del lavoro. Consideriamo ad esempio i cambiamenti dai quali vengono continuamente investiti, sia a livello ministeriale (comunicazioni, nuove regole, registro elettronico, lim, ecc..) sia a livello sociale, in quanto la figura dell'insegnante è passata da essere iper rispettata e quasi temuta, all'essere calpestata da bambini insolenti protetti da buona parte di genitori moderni. Il problema è che in tutto ciò non esiste sostegno, non esistono figure che gestiscono il cambiamento, in sostanza la scuola, che vive a strettissimo contatto con la società esterna, non è riuscita (come la maggior parte della pubblica amministrazione) a stare al passo con il mondo. Le aziende private, mosse da logiche commercieli, e affamate di profitto, si sono attrezzate, avvalendosi di professionisti sempre più specializzati per settore, individuando strategie di gestione delle problematiche sempre più avanzate, la scuola che cosa ha fatto di tutto ciò, oltre a sobbarcare gli insegnanti di sempre maggiori responsabilità? A mio avviso il medico competente sarebbe utile, ma magari affiancato da professionisti quali psicologi del lavoro e dell'età adolescenziale che potrebbero dare un vero supporto agli insegnanti, e farli sentire meno abbandonati. Penso che ad oggi, in realtà complesse come la scuola, sia indispensabile ragionare in un'ottica di equipe di supporto multidisciplinari che, con il contributo di varie professionalità, possano realmente apportare vantaggi nella qualità della vita degli attori organizzativi, e non solamente miglioramenti di facciata.

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: