LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Check list dei fattori ambientali nell’interazione uomo-macchina


I fattori ambientali possono determinare situazione di disagio con conseguenze sulla salute e sicurezza. Una check list per verificare le emissioni termiche, il rumore, l’odore, il microclima, l’illuminazione e la qualità dell’aria.

Pubblicità
 
Torino, 23 Mag – Sono diversi i fattori presenti negli ambienti interni di lavoro che possono alterare nel lavoratore la percezione dei pericoli o lo stato di benessere e di attenzione/concentrazione sull’attività svolta con evidenti ricadute sulla sicurezza.
Un articolo di PuntoSicuro, presentando un intervento ad un convegno dal titolo “ Ergonomia e innovazione - Modelli per la gestione dell’ergonomia per la sicurezza sui luoghi di lavoro”, si è soffermato su questo tema con riferimento all’ergonomia ambientale, una disciplina scientifica che si occupa della comprensione delle interazioni fra l’uomo e gli altri elementi di un sistema.
 
Nell’intervento “Problematiche di Ergonomia ambientale”, a cura del Prof. Ciro Isidoro (Medicina Ambientale Applicata - Università del Piemonte Orientale, Dipartimento di Scienze Mediche), non solo si sottolinea l’importanza di fattori ambientali come il microclima, il rumore, l’illuminazione, la qualità dell’aria e gli odori, ma viene presentata una check list relativa alla verifica dei fattori ambientali nell’interazione uomo-macchina.
 
La check list riporta ad esempio alcune indicazioni di verifica relative alle emissioni termiche.


Pubblicità
 
 
In relazione alla eventuale presenza di superfici fredde si consiglia di:
- “identificare la presenza di superfici fredde esposte a possibile contatto. Se presenti, porre particolare attenzione a: grado di accessibilità; stima approssimativa della temperatura delle superfici; materiale di costruzione; condizioni operative;
- documentare le possibilità di rischio derivanti dalla frequenza e durata di contatti intenzionali e non intenzionali con la superficie fredda;
- valutare se il tipo di materiale scelto per la costruzione delle superfici fredde è compatibile con le condizioni operative del macchinario;
- individuare i valori soglia di sicurezza in relazione al tipo di materiale e alla temperatura della superficie esposta a contatto;
- se in condizioni operative la temperatura prevista delle superfici esposte è compresa tra 5°C e -45°C, valutare la relazione tra valore soglia di sicurezza e tempo di possibile contatto con la pelle nuda”.
 
Rimandando ad una lettura integrale delle slide dell’intervento - che riporta anche precise indicazioni di verifica relative ai fattori rumore e odore – ci soffermiamo sul fattore illuminazione nell’interazione uomo-macchina:
- “verifica della presenza, nelle istruzioni per l'uso, del livello di illuminazione minimo necessario;
- verifica della presenza di illuminazione sufficiente per il controllo e il monitoraggio della macchina;
- se l'illuminazione sull'area operativa è regolabile, verificare che sia facile da gestire;
- verifica sull'area operativa che: sia evitato lo sfarfallamento; sia evitato ogni tipo di abbagliamento; siano evitate ombre che possono causare confusioni; siano evitati effetti stroboscopici; i contrasti siano adeguati al compito; sia preservata la resa cromatica;
- verifica della posizione ergonomica delle lampade nei riguardi dell'operazione di sostituzione delle stesse;
- valutazione dell'idoneità delle lampade alle caratteristiche della macchina (vibrazioni, radiazioni, etc);
- (per macchine di grosse dimensioni) verifica della presenza di luci di emergenza che entrino in funzione quando la normale illuminazione è guasta;
- verifica della presenza del requisito luminoso durante lo svolgimento delle operazioni normali, straordinarie e durante la manutenzione”.
E con riferimento ad uno strumento integrativo dell’analisi uomo-sistema si suggerisce di:
- “verificare che il luogo di lavoro sia adeguatamente illuminato;
- verificare che le varie postazioni di lavoro abbiano un'illuminazione adeguata al compito da svolgere;
- verificare che le superfici delle attrezzature siano opache in modo da non provocare disagi (riflessi);
- se sono presenti riflessi fastidiosi verificare la presenza di schermature;
- verificare che le superfici vetrate illuminanti ed i mezzi di illuminazione artificiale siano tenuti costantemente in buone condizioni di pulizia e di efficienza”.
 
Tale strumento integrativo dell’analisi uomo-sistema si sofferma anche sulla qualità dell’aria:
- “verificare la presenza nell'aria di agenti chimici e biologici che, anche se rispettano i limiti vigenti, potrebbero creare discomfort per i lavoratori;
- se sì, prendere in considerazione delle misure che limitino tale discomfort;
- verificare la presenza nell'aria di particolato aerodisperso (polveri, fumi, ceneri, aerosol) che, anche se rispettano i limiti vigenti, potrebbero creare discomfort per i lavoratori;
- se sì, prendere in considerazione delle misure che limitino tale discomfort;
- verificare periodicamente il funzionamento dei dispositivi di protezione collettiva (sistemi di aspirazione, impianti di ricambio dell'aria…);
- verificare la presenza di procedure di manutenzione ordinaria e straordinaria dei dispositivi di protezione collettiva;
- verificare che i dispositivi di protezione individuale siano adeguati alla lavorazione e che non sovraproteggano il lavoratore”.
 
Infine riguardo al microclima, dopo aver verificato che la regolazione dei parametri del microclima tengano conto dell'utilizzo di indumenti e di altri dispositivi di protezione individuali, si forniscono ulteriori elementi di controllo relativi all’aerazione dei luoghi di lavoro chiusi, alla temperatura dei locali e all’umidità.
 
Per l’aerazione dei luoghi di lavoro chiusi si consiglia di:
- “verificare che i lavoratori dispongano di aria salubre ottenuta preferenzialmente con aperture naturali, e quando ciò non sia possibile, con impianti di areazione;
- verificare che l'aerazione sia appropriata con il metodo di lavoro e con gli sforzi fisici ai quali sono sottoposti i lavoratori;
- se viene utilizzato un impianto di aerazione, verificare che sia sempre mantenuto funzionante. Verificare, quando necessario, che ogni eventuale guasto sia segnalato da un sistema di controllo;
- se sono utilizzati impianti di condizionamento dell’aria o di ventilazione meccanica, verificare che funzionino in modo che i lavoratori non siano esposti a correnti d’aria fastidiosa;
- verificare che gli impianti siano periodicamente sottoposti a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione per la tutela della salute dei lavoratori;
- verificare che le dimensioni del luogo di lavoro ed il numero degli occupanti siano tali da garantire uno stato di benessere termico”.
 
Per controllare il fattore temperatura si suggerisce di:
- “verificare che la temperatura nei locali di lavoro sia adeguata all’organismo umano tenuto conto dei metodi di lavoro applicati e degli sforzi fisici imposti ai lavoratori;
- nel valutare la temperatura tenere conto dell' influenza che possono esercitare sopra di essa il grado di umidità ed il movimento dell’aria concomitanti;
- verificare che le finestre, i lucernari e le pareti vetrate siano tali da evitare un soleggiamento eccessivo dei luoghi di lavoro, tenendo conto del tipo di attività e della natura del luogo di lavoro”.
 
E infine riguardo all’umidità, nei locali in cui l’aria è soggetta ad inumidirsi notevolmente per ragioni di lavoro, “verificare che la formazione della nebbia sia controllata, mantenendo la temperatura e l’umidità nei limiti compatibili con le esigenze tecniche”.
 
 
 
 
Problematiche di Ergonomia ambientale”, a cura del Prof. Ciro Isidoro (Medicina Ambientale Applicata - Università del Piemonte Orientale, Dipartimento di Scienze Mediche), intervento al convegno “Ergonomia e innovazione - Modelli per la gestione dell’ergonomia per la sicurezza sui luoghi di lavoro” (formato PDF, 790 kB).
 
 
Tiziano Menduto
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: