LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

11 dicembre 2015 - Cat: Alcol e droghe
  

Alcol e droghe sul lavoro: come cambierà a breve la normativa


Anticipazioni sugli indirizzi per la prevenzione di infortuni gravi e mortali sul lavoro correlati all'assunzione di alcolici e di sostanze stupefacenti

Pubblicità
 
Il 20 novembre scorso il Ministero della Salute ha trasmesso alla Conferenza Unificata Stato-Regioni lo schema di intesa "Indirizzi per la prevenzione di infortuni gravi e mortali correlati all'assunzione di alcolici e di sostanze stupefacenti, l'accertamento di condizioni di alcol dipendenza e di tossicodipendenza e il coordinamento delle azioni di vigilanza".
Ora dovrà essere calendarizzata e poi approvata. Ma noi che abbiamo la curiosità nel DNA, cominciamo a darci uno sguardo!
 

Pubblicità
 
Le categorie
Non ci sarà più distinzione, come attualmente in essere, tra elenchi " alcol" e "droghe" ma si tratta di un unico elenco comprendente:
  • impiego gas tossici
  • fabbricazione e uso di fuochi artificiali
  • direzione tecnica e conduzioni di impianti nucleari
  • attività comportanti lavori in tubazioni, canalizzazioni, recipienti, quali vasche e serbatoi e simili, nei quali possono esservi gas, vapori, polveri infiammabili ed esplosivi
  • attività sanitarie che comportano procedure invasive svolte in strutture sanitarie pubbliche o private che espongono al rischio di ferite da taglio o da punta, di cui al titolo X-bis del Dlgs 81/08
  • attività comportanti l'obbligo dotazione di armi
  • autisti di mezzi adibiti al trasporto di persone o di merci pericolose
  • circolazione dei treni e sicurezza dell'esercizio ferroviario
  • personale ferroviario navigante sulle navi del gestore dell'infrastruttura ferroviaria con esclusione del personale di camera e mensa
  • personale navigante sulle navi delle acqua interne e delle acque marine, con qualifica di conduttore per le imbarcazioni da diporto adibite a noleggio
  • personale addetto alla circolazione e alla sicurezza delle ferrovie in concessione e in gestione governativa, metropolitana, tranvie e impianti assimilabili, filovie, autolinee e impianti funicolari
  • conducenti, conduttori, manovratori e addetti a scambi di altri veicoli con binario, rotaia o di apparecchi di sollevamento, esclusi i manovratori di carri ponte con pulsantiera a terra e di monorotaie
  • personale marittimo di I categoria delle sezioni di coperta e di macchina, limitatamente allo Stato maggiore e sottufficiali componenti l'equipaggio di navi mercantili e passeggeri, nonché il personale marittimo e tecnico delle piattaforme in mare e delle navi posatubi
  • controllori di volo
  • personale aeronautico di volo
  • collaudatore di mezzi di navigazione marittima, terrestre ed aerea
  • addetti ai pannelli di controllo del movimento nel settore dei trasporti
  • addetti alla guida di macchine di movimentazione terra e merci richiedenti una specifica abilitazione, prevista dal comma 5 dell'articolo 73 del DLG 81/08 (che sono 
  • addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE)
  • addetto alla conduzione di gru per autocarro
  • addetto alla conduzione di gru a torre
  • addetto alla conduzione di carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo
  • addetto alla conduzione di gru mobili
  • addetto alla conduzione di trattori agricoli o forestali
  • addetto alla conduzione di escavatori, pale caricatrici frontali, terne e autoribaltabili a cingoli
  • addetto alla conduzione di pompe per calcestruzzo)
  • attività di produzione, confezionamento, trasporto e vendita di esplosivi
  • attività nel settore dell'edilizia e delle costruzioni: operatori che svolgano attività in quota ad altezza superiore ai due metri
  • attività nel settore idrocarburi: operatori con sostanze esplosive ed infiammabili
  • attività svolte in cave e miniere: addetti ai lavori in cave e miniere
Salta all'occhio che, per quanto riguarda le sostanze stupefacenti, scompaiono i conducenti di camion (eccetto per le merci pericolose) ma vengono inseriti il personale aeronautico (piloti e personale aeronautico di volo), i sanitari a rischio lesioni da taglio o punta (a questo punto anche chi fa i prelievi o gli igienisti dentali), tutti gli edili che effettuano lavori in quota (praticamente tutti), gli agricoltori che conducono un trattore, ecc.
 
Per tutti questi soggetti sarà pertanto vietato assumere alcolici e sostanze stupefacenti durante l'orario di lavoro o, meglio, non dovranno essere rilevabili alcol e sostanze stupefacenti durante l'orario di lavoro. La tracciabilità nella saliva delle droghe è nettamente inferiore, in termini di tempo, rispetto alle urine. Ma attenzione: i cut-off sono inferiori rispetto all'urina e quindi si può risultare positivi con un assunzione nel giorno precedente al test e, per alcune classi di sostanze anche di più.
Il limite per l'alcol è di 0,3 g/l. 
Le sostanze stupefacenti e i relativi cut-off sono:
Oppiacei: 40 ng/ml
Morfina, codeina, diidrocodeina 40 ng/ml
6-MAM 4 ng/ml
Idrocodone e ossicodone 40 ng/ml
Cocaina, benzoilecgonina 30 ng/ml
Cannabinoidi (TCH) 25 ng/ml
MDMA, MDA, MDEA, MBDB 50 ng/ml

Scompare quindi la buprenorfina causa di tante false positività.

Le aziende ove operano le suddette mansioni dovranno attuare dei piani informativi ai lavoratori, mettere a disposizione dei lavoratori (ma non è un obbligo) test rapidi riguardo al tasso alcolemico, attivare i controlli per mezzo del medico competente.
Almeno 1 volta ogni 3 anni tutti i lavoratori suddetti devono essere visitati dal medico competente che prevederà un'anamnesi ed un esame obiettivo specifico.
Nel caso di sospetto abuso alcolico possono essere effettuati esami ematochimici della funzionalità epatica, emopoiesi (MCV, gammagt, transaminasi). La CDT non è contemplata.
Nel caso di sospetta tossico-alcoldipendenza possono essere richiesti test sul capello e/o avviati test rapidi a sorpresa al momento della visita. Tali test possono essere anche avviati su richiesta del datore di lavoro al medico competente.
Quindi, alla visita medica, effettuata dal medico competente almeno ogni 3 anni, non necessariamente egli effettua il drug/alcol test ma solo se c'è un sospetto.
Però. indipendentemente da quanto citato sopra, i test rapidi a sorpresa saranno effettuati ogni anno su almeno il 10% delle suddette mansioni, con modalità casuale.
Alcol: aria espirata (etilometro)
Droghe: saliva
Nei casi di lavoratori difficilmente intercettabili con il test a sorpresa (come possono essere quelli che escono dall'azienda per la guida di mezzi) sarà ammesso il test urinario con preavviso massimo di 48 ore (garantito al lavoratore). Tale scelta deve essere motivata nel piano sanitario.
In caso di positività all'etilometro superiore a 0,3 g/l, non è possibile l'ammissione del lavoratore alla prestazione lavorativa fino a che il tasso alcolemico è  sceso a 0 g/l. La positività alle droghe invece comporta l'astensione dal turno. Quindi il lavoratore sarà sottoposto a controlli a sorpresa (monitoraggio individuale) a discrezione del medico competente e potrà essere inviato, se ci sono elementi, ad effettuare test del capello per confermare pregresse assunzioni presso il Ser.T. o i Servizi Alcologici) e giudicato temporaneamente non idoneo alla mansione ed adibito, ove possibile, a mansione diversa.
Se l'esame presso i Servizi Pubblici sarà negativo per condizione di dipendenza da droghe o abuso alcolico, sarà riammesso al lavoro. rimangono valide le procedure di monitoraggio cautelativo del 18 settembre 2008 del lavoratore con certificazione di remissione completa.

Pare chiaro che i test non potranno più essere effettuati in laboratorio sia per la matrice biologica utilizzata (aria espirata per l'alcol e saliva per le sostanze stupefacenti), sia per l'immediatezza del risultato: occorre un risultato immediato in quanto il lavoratore positivo non può riprendere il turno lavorativo. Occorrerà capire quali strumenti rapidi utilizzare che sicuramente dovranno essere dotati di stampa oggettiva dell'esito.
 
 
Dott. Cristiano Ravalli
 
 
 




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: Manzo A.11/12/2015 (08:08:35)
Visto che si tratta di nota ministeriale sarebbe stato più corretto metterla in pubblico accesso e non su area riservata.
NON SI POSSONO VENDERE DATI PUBBLICI!!!
Rispondi Autore: Massimo Zucchiatti12/12/2015 (09:47:26)
E gli insegnanti ?
Rispondi Autore: edoardo valcanover16/12/2015 (08:15:36)
Bene, anche in questa occasione si sono dimenticati del carroponte (ma almeno hanno tolto la frase in cui si leggitima un addetto al carroponte a drogarsi...).
Spariti i docenti!
Limite alcol 0,3?? ma mettere un bel ZERO no eh? Vai a spiegare in mensa quanto possono bere ora.
Rispondi Autore: Massimo Zucchiatti16/12/2015 (08:33:16)
carissimo edoardo...mi era sfuggito alla lettura veloce...lo 0,3 !! Ma come ? adesso che abbiamo spaccato le..... a tutti per lo 0 (zero assoluto) ammettono lo 0,3 ?...forse per chi prende farmaci o rimedi omeopatici in TINTURA MADRE ALCOLICA ???
L'autore ci spieghi per favore (ovvio che l'autore dell'articolo non è il legislatore ma forse è meno ignorante del sottoscritto)
Rispondi Autore: Massimo Zucchiatti16/12/2015 (14:22:05)
carissimo edoardo...mi era sfuggito alla lettura veloce...lo 0,3 !! Ma come ? adesso che abbiamo spaccato le..... a tutti per lo 0 (zero assoluto) ammettono lo 0,3 ?...forse per chi prende farmaci o rimedi omeopatici in TINTURA MADRE ALCOLICA ???
L'autore ci spieghi per favore (ovvio che l'autore dell'articolo non è il legislatore ma forse è meno ignorante del sottoscritto)
Rispondi Autore: SR20/01/2016 (16:08:37)
Se il limite alla guida è 0,5, mi sembra coerente fissare un termine che non sia zero.

Se poi si vuole essere talebani e vietare tutto...
Rispondi Autore: Massimo Zucchiatti20/01/2016 (19:34:11)
Ma scusi SR alla guida per un lavoratore...il limite non era ed è...0 (zero) ?
Infatti un medico che molto si è interessato al problema qui in FVG aveva rilevato come esistesse un "inghippo" per chi , ad esempio, sorpreso in autostrada con limite 0,2..0,4 e gli chiedevano: Cosa sta facendo ? ..se la risposta era: Sto andando da un cliente (quindi durante il lavoro) c'era il sequestro patente e autoveicolo...mentre se la risposta fosse stata: Vado a casa...tutto filava liscio.
Ma allora così non è ?
Vuole dire Lei SR che se "beccano" un camionista o un autotrasportatore durante il lavoro alla guida con 0,4 ...tutto fila liscio ?...Forse ho creduto errato sin'ora.
Mi risponda La prego.
Mille grazie
Rispondi Autore: SR21/01/2016 (16:35:38)
Sì, sig. Zucchiatti, la normativa prescrive giustamente come dice lei il limite zero.

Come il CdS prescrive zero per i conducenti professionali (patente C e D per intenderci).

Ma appunto perché l'articolo sta riportando notizie di possibili riforme, mi sembra sensato dare un minimo di tolleranza agli autisti con patente B, visto che se "stanno andando a casa" il limite è di 0,5 e non 0.

Tra l'altro nella delibera della Giunta Regionale del FVG (n. 1020, 7 maggio 2009) "Linee guida per la prevenzione dei problemi di sicurezza sul lavoro legati all'assunzione di alcolici" veniva scritto che: "Si ribadisce che nelle attività indicate dall’Intesa Stato Regioni viene vietata in termini assoluti l’assunzione e la somministrazione di bevande alcoliche. Tuttavia risultando evidente la contraddizione tra questo divieto assoluto e i limiti di alcolemia accettati in
alcune di queste attività dal Codice della Strada, si accetta per ora che il limite da utilizzare nelle sole valutazioni alcolimetriche sia quello previsto da questo Codice. Tale scelta è condizionata anche dai limiti dell’attuale strumentazione utilizzata per le attività di screening".
Rispondi Autore: Massimo Zucchiatti22/01/2016 (15:17:44)
Ma scusi SR alla guida per un lavoratore...il limite non era ed è...0 (zero) ?
Infatti un medico che molto si è interessato al problema qui in FVG aveva rilevato come esistesse un "inghippo" per chi , ad esempio, sorpreso in autostrada con limite 0,2..0,4 e gli chiedevano: Cosa sta facendo ? ..se la risposta era: Sto andando da un cliente (quindi durante il lavoro) c'era il sequestro patente e autoveicolo...mentre se la risposta fosse stata: Vado a casa...tutto filava liscio.
Ma allora così non è ?
Vuole dire Lei SR che se "beccano" un camionista o un autotrasportatore durante il lavoro alla guida con 0,4 ...tutto fila liscio ?...Forse ho creduto errato sin'ora.
Mi risponda La prego.
Mille grazie
Rispondi Autore: giorgianni francesco23/01/2016 (14:22:28)
Mi sono comprato il lettore per drug test a bicchierino. Che faccio, lo butto, visto che la matrice è adesso la saliva?
Rispondi Autore: Alessandro lillo04/02/2016 (11:40:15)
Quindi cosa significa che non faranno più i drug test sulle urine ma sulla saliva?a me il 2 di questo mese lo hanno fatto sulle urine potete darmi un chiarimento grazie
Rispondi Autore: Fabio Riccomini17/06/2016 (09:28:10)
Salve a tutti, sono il titolare di una azienda artigiana (elettricisti) con un circa 16 dipendenti.
Il dottore incaricato per le visite mediche ha voluto far fare l'esame antidroga a tutti quei dipendenti che la mattina guidano un mezzo aziendale per recarsi sul posto di lavoro.(più di una persona su ogni mezzo). E' effettivamente obbligatorio l'esame, visto che dalla lista dei lavori citati nell'articolo mi pare di non ritrovare nulla di simile.
Grazie
Rispondi Autore: Alessio Perra19/07/2016 (15:42:00)
Dovrei imbarcare come piccolo di cucina su una nave traghetto sono di seconda categoria mi faranno il drag test anche se lavoro in cucina o come cameriere
Rispondi Autore: Iooo..20/07/2016 (23:10:21)
Aprono un forum,senza gestirlo,manco una risposta ti danno..
Rispondi Autore: Gian Paolo Bonsi22/10/2016 (20:04:40)
quindi un dipendente che usa l'auto aziendale o un furgone è libero di prenderla anche se un po alticcio? se nessuno lo controlla è libero di guidare con un tasso alcolico oltre i limiti consentiti e magari investire qualcuno? credo che dovrebbe essere reinserita anche questa categoria di lavoratori
Rispondi Autore: Gennaro Ascione03/11/2016 (02:51:33)
Lavoro per una nota compagnia di navigazione battente bandiera italiana. Faccio parte della seconda categoria iscritta alla gente di mare in qualità di piccolo di camera, e fa quanto letto non rientro nelle categorie che devono sottoporsi al test, ma nonostante tutto la mia categoria lo fa! È possibile tutto ciò? È lecito da parte del datore di lavoro? Grazie

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: