LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

16 settembre 2014 - Cat: POS, PSC, PSS
  

Pubblicati i nuovi modelli semplificati di POS, PSC e PSS


Pubblicato il decreto interministeriale che individua i modelli semplificati per la redazione del piano operativo di sicurezza, del piano di sicurezza e di coordinamento, del fascicolo dell'opera e del piano di sicurezza sostitutivo.

 
Pubblicità

Roma, 16 Sett– “Questi nuovi modelli semplificati permettono di migliorare il rapporto tra coordinatori e imprese, di chiarire finalmente gli elementi sostanziale della comunicazione di sicurezza tra tutti i soggetti”. Questo è un primo commento di  Fabrizio Lovato - presidente di  Federcoordinatori e tra gli esperti del Ministero del lavoro e delle politiche sociali che hanno partecipato all’elaborazione dei modelli - in relazione alla pubblicazione del nuovo decreto interministeriale del 9 settembre 2014 di cui è stato dato avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il 12 settembre 2014 e il cui schema era già stato approvato nel corso della riunione della Conferenza Stato-Regioni del 12 giugno scorso.
Gli stessi modelli che  Giuseppe Piegari (Segretariato Generale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) aveva preannunciato ai nostri microfoni, qualche mese dopo la conversione in legge del cosiddetto “ decreto del fare”, come “documenti più snelli, più comprensibili”, dei modelli in grado di guidare l’impresa e il coordinatore.

Pubblicità
Progetto Sicurezza Cantieri (P.S.C.) - Versione 4.0Software e applicazioni - Progetto Sicurezza Cantieri (P.S.C.) - Versione 4.0
Software per la redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento, del fascicolo tecnico per la gestione dei compiti nei cantieri edili

 
Rimandando i commenti e gli approfondimenti a futuri articoli e interviste del nostro giornale, ci soffermiamo sul nuovo decreto.
 
Con decreto interministeriale, ex articolo 104-bis del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81  ed ex articolo 131, comma 2-bis del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, sono stati dunque finalmente individuati i modelli semplificati per la redazione del piano operativo di sicurezza, del piano di sicurezza e di coordinamento, del fascicolo dell'opera e del piano di sicurezza sostitutivo.
 
Ricordiamo, a questo proposito che è proprio con il Decreto legge 69/legge n. 98 del 2013 che è stato introdotto il nuovo articolo 104-bis del D.Lgs. n. 81/2008 e la previsione del decreto di individuazione dei modelli semplificati “fermi restando i relativi obblighi”, cioè ricordando che comunque tali modelli dovranno rappresentare una valutazione di tutti i rischi lavorativi, nessuno escluso, includendo le necessarie misure di prevenzione e protezione:
 
Art. 104-bis. – Misure di semplificazione nei cantieri temporanei o mobili
1. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e con il Ministro della salute, da adottare sentita la Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, previa intesa in sede di Conferenza per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono individuati modelli semplificati per la redazione del piano operativo di sicurezza di cui all'articolo 89, comma 1, lettera h), del piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100, comma 1, e del fascicolo dell'opera di cui all'articolo 91, comma 1, lettera b), fermi restando i relativi obblighi.
 
Riportiamo anche per completezza il riferimento al comma 2-bis dell’articolo 131 del Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n.163, ugualmente introdotto a seguito del “ decreto del fare”:
 
Art. 131. Piani di sicurezza
(…)
2-bis. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e con il Ministro della salute, sentita la Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono individuati modelli semplificati per la redazione del piano di sicurezza sostitutivo del piano di sicurezza e coordinamento di cui al comma 2, lettera b), fermi restando i relativi obblighi.
(…)
 
Veniamo al testo del decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e con il Ministro della salute. Un testo che è costituito da cinque brevi articoli e da 44 pagine di modelli.
Questi gli articoli:
 
Decreto interministeriale 9 settembre 2014
 
Articolo 1
1. Ferma restando l'integrale applicazione delle previsioni di cui al Titolo IV del d.lgs. n. 81 del 2008, i datori di lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici possono predisporre il POS utilizzando il modello semplificato di cui all'allegato I al presente decreto.
 
Articolo 2
1. Ferma restando l'integrale applicazione delle previsioni di cui al Titolo IV del d.lgs. n. 81 del 2008, i coordinatori possono predisporre il PSC utilizzando il modello semplificato di cui all'allegato II al presente decreto.
 
Articolo 3
1. Ferma restando l'integrale applicazione delle previsioni di cui al d.lgs. n. 163 del 2006, l'appaltatore o il concessionario possono predisporre il PSS utilizzando il modello semplificato di cui all'allegato III al presente decreto.
 
Articolo 4
1. Ferma restando l'integrale applicazione delle previsioni di cui al Titolo IV del d.lgs. n. 81 del 2008, i coordinatori possono predisporre il fascicolo dell'opera utilizzando il modello semplificato di cui all'allegato IV al presente decreto.
 
Articolo 5
1. Entro 24 mesi dall' entrata in vigore del presente decreto il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, d'intesa con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e con il Ministero della salute, provvede al monitoraggio della applicazione dei modelli di cui al presente decreto rielaborandone eventualmente i contenuti.
2. Della pubblicazione del presente decreto sul sito internet del Ministero del lavoro e delle politiche sociali viene fornita notizia a mezzo avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
 
In relazione ai modelli allegati, concludiamo segnalando che:
- l’allegato I - Modello semplificato per la redazione del POS indica che “la redazione del POS dove essere improntata su criteri di semplicità, brevità e comprensibilità, in modo da garantire la completezza e l’idoneità quale strumento di pianificazione degli interventi di prevenzione in cantiere, l’indicazione di misure di prevenzione e protezione e dei dpi, le procedure per l’attuazione delle misure da realizzare e i ruoli che vi devono provvedere”;
- l’allegato II - Modello semplificato per la redazione del PSC indica al punto 2.1.1 che il PSC è “specifico per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e di concreta fattibilità, conforme alle prescrizioni dell'art.15 del d.lgs. n. 81 del 2008, le cui scelte progettuali ed organizzative sono effettuate in fase di progettazione dal progettista dell’opera in collaborazione con il CSP”;
- l’allegato III – Piano di Sicurezza Sostitutivo integrato dei contenuti del POS – modello semplificato - indica al punto 3.1.1 che il PSS “è redatto a cura dell’appaltatore o del concessionario, contiene gli stessi elementi del PSC con l’esclusione dei costi della sicurezza, ed è integrato  con gli elementi del POS”;
- gli allegati del decreto - come presenti sul sito del Ministero del Lavoro alla data del 15 settembre – hanno alcuni errori d’impaginazione nell’allegato del PSC: la pagina 12 del documento in formato digitale (in formato PDF) deve essere spostata dopo la pagina 9 e la pagina 19 va inserita dopo la 16.
 
 
 
 
Tiziano Menduto
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: Luca Casale16/09/2014 (11:59:31)
Buon giorno.
Dalla lettura del decreto e degli allegati risulta ancora non dipanata una annosa questione. Ovvero: un POS elaborato secondo le previsioni dell'allegato XV (e quindi secondo lo schema semplificato del decreto) non è in grado di soddisfare le previsioni degli artt. 17 e 28 del D.Lgs. 81/2008, in particolare per quanto espresso al comma 2 l. a) che richiede "una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa, nella
quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa". Infatti, né l'allegato XV né il decreto appena pubblicato riportano, fra i contenuti minimi, l'esplicitazione dei criteri adottati per la valutazione. Il risultato di questa approssimata modalità legiferativa è che, potenzialmente, un imprenditore che decidesse di adottare, per semplicità, il modello semplificato si troverebbe comunque esposto a sanzioni da parte dell'organo di vigilanza competente. Gradirei un vostro commento in merito.
Rispondi Autore: dino rondina16/09/2014 (14:49:10)
Mi sono sicuramente perso un passaggio, e cioè non ho capito quando si possono usare i modelli semplificati e quando quelli completi. Non credo che si possa scegliere da soli....?
Grazie
Rispondi Autore: Paolo Ruggieri16/09/2014 (16:05:30)
Sulla base dell'all. XV il pos non deve contenere la valutazione dei rischi, ma bensì l’individuazione delle misure preventive e protettive, integrative rispetto a quelle contenute nel PSC quando previsto, adottate in relazione ai rischi connessi alle proprie lavorazioni in cantiere.

Le attività che l'impresa esegue in cantiere devono essere presenti all'interno del dvr, dove viene appunto fatta una valutazione e per la quale è necessario indicarne il criterio. Chiaramente quando non effettuata con il criterio standardizzato.

Chiaramente questa è la mia interpretazione.
Rispondi Autore: Antonio Amatucci19/09/2014 (11:01:56)
Come al solito quattro dirigenti ministeriali, impreparati e mal consigliati, hanno fatto un danno irreparabile! Hanno escluso la Valutazione dei Rischi! Ma come si puó essere così poco avveduti? Ma lo conoscono il Dlgs 81/08 e sopratutto le conoscono le sentenze di Cassazione?
Rispondi Autore: @SferaIngegneria Sfera Ingegneria 20/09/2014 (08:35:26)
Già adesso molte imprese fanno i POS cambiando solo l'anagrafica, figuriamoci da domani.
Rispondi Autore: Francesco Fantini20/09/2014 (10:46:00)
...e parliamo un po' del Fascicolo dell'Opera:
ma quale semplificazione!
la scheda I ha defalcato i soli dati relativi all'impresa esecutrice (ma se il documento anticipa le offerte come faccio a riconoscere il dato?).
le schede II-1 e II-2 sono pressoché immutate, vi è solo l'indicazione specifica dell'oggetto della manutenzione.
la scheda III richiede sostanzialmente le stesse cose ma la diversa posizione delle colonne di inserimento dati, unita al finale riferimento alla scheda II (direi la II-1...), induce a pensare che l'oggetto dei dati sia più riferibile all'ente edilizio sottoposto a manutenzione (es. la copertura)piuttosto che alla misura preventiva e protettiva in dotazione all'opera (es. la linea-vita) ma NON è quello che richiede l'All.XVI.
io mi diletto a redigere Fascicoli e, se vogliamo, tengo corsi ai miei colleghi sulla tematica (funzioni, compilazione ecc) e non mi pare che la novella abbia comportato una semplificazione, anzi ha "incasinato" la lettura del documento; e se pensiamo che lo stesso deve durare una vita ed essere interpretato e modificato sostanzialmente da mia nonna abbiamo fatto una gran bella cosa... complimenti a chi si è tanto adoperato...
Rispondi Autore: linoemilio20/09/2014 (23:39:31)
Scusate ma, letti i modelli, qualcuno mi dice dove sta la semplificazione?

Eppoi... se l'All. XV obbliga ai "contenuti minimi", la semplificazione cosa semplifica rispetto a questi contenuti?

Lasciamo stare il disordine tra i modelli.

E ci hanno impiegato mesi e mesi per fare un elenco dell'All. XV e scrivere sciocchezze come:
"modelli semplificati “fermi restando i relativi obblighi”,...!!!

Ma diciamo davvero ?
Rispondi Autore: KO Tecnico21/09/2014 (22:45:11)
Egregio Amatucci magari fosse solo il parto di 4 dirigenti ministeriali, dietro ci sono le riunioni tenute dai vari gruppi regionali e lì, tra gli altri, ci sono tanti suoi colleghi. Cordialità.
Rispondi Autore: Carmelo Catanoso22/09/2014 (19:48:02)
A cantiere complesso corrispondono PSC, POS e FA complessi.

A cantiere semplice corrispondono PSC, POS e FA semplici.

Diciamo che oggi va di moda la semplificazione .....

Se sono contenuti minimi quelli dell'allegato XV e dell'allegato XVI .... mica si possono cambiare le cose con un decreto interministeriale.

Se avessero voluto semplificare riguardo, ad esempio, il PSC, sarebbe bastato leggersi l'art. 3, comma 2 ultimo periodo della direttiva cantieri 92/57/CEE e fare un bel "copia-incolla".


FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: