LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

08 ottobre 2014 - Cat: Interpelli
  

Interpello sui criteri di qualificazione del docente formatore


Nuove risposte della Commissione Interpelli a quesiti relativi alla sicurezza sul lavoro. L’interpello n. 21 chiarisce quando un professionista è considerato in possesso dei criteri n. 4 e 5 per lo svolgimento di attività di formatore sulla sicurezza.

Pubblicità
 
Sono disponibili sul sito del Ministero del lavoro le risposte ad alcuni nuovi interpelli in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
 
Ricordiamo che gli organismi associativi a rilevanza nazionale degli enti territoriali e gli enti pubblici nazionali, nonché le organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e i consigli nazionali degli ordini o collegi professionali possono inoltrare tramite posta elettronica quesiti alla Commissione per gli interpelli: le indicazioni fornite nelle risposte di questi interpelli costituiscono criteri interpretativi e direttivi per l’esercizio delle attività di vigilanza.
 
Presentiamo oggi l’interpello n. 21/2014 con risposta del 6 ottobre 2014 al Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, e che ha per oggetto i criteri di formazione del docente formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
Gli altri interpelli appena pubblicati saranno presentati nei prossimi numeri di PuntoSicuro.
 
Primo quesito
Il consulente del lavoro che ha esercitato la professione per almeno 18 mesi occupandosi anche di salute e sicurezza sul lavoro è in possesso del criterio di qualificazione n. 4 previsto dal decreto 6 marzo 2013 per lo svolgimento di attività di docente nei corsi in materia di salute e sicurezza sul lavoro?
 
La risposta si trova analizzando il criteri a cui si fa riferimento nella domanda.
 
Il quarto criterio prevede espressamente quanto segue:
"Possesso di un attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a corso di formazione della durata di almeno 40 ore in materia di salute e sicurezza sul lavoro (ai sensi del DLGS 81/08 e smi). Inoltre almeno 18 mesi di esperienza lavorativa o professionale coerente con l'area tematica oggetto della docenza. Più una delle seguenti specifiche (didattica):
- percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione ali 'insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione;
- docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza;
- docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia;
- affiancamento a docente, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia.
 
Di conseguenza, chiunque (sia o meno un professionista), in possesso del diploma di scuola superiore, intenda avvalersi- per dimostrare di aver titolo a svolgere i compiti di docente in materia di salute e sicurezza sul lavoro- del criterio n. 4 di cui al decreto 6 marzo 2013 dovrà dimostrare di avere frequentato il corso di almeno 40 ore previsto dal decreto e di avere, al contempo, svolto per almeno 18 mesi "attività lavorativa o professionale" coerente con l' area tematica di docenza. La formula usata dal decreto indica la necessità che tale attività sia stata svolta in modo, per quanto non esclusivo, non episodico, in relazione alle aree tematiche di interesse. Inoltre, a tali requisiti l'aspirante docente dovrà aggiungere necessariamente una delle quattro alternative (percorso formativo in didattica, docenza ... ) indicate specificamente.
 


Pubblicità
Docente formatore per la sicurezza sul lavoro - 24 oreFormatori - Docente formatore per la sicurezza sul lavoro - 24 ore
Corso online di didattica per la qualificazione del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro.
 
 
Secondo quesito
Il consulente che ha svolto attività professionale per almeno un triennio, seguendo i propri clienti anche in materia di salute e sicurezza del personale ed effettuandone i relativi adempimenti è in possesso del criterio n. 5 previsto dal decreto 6 marzo 2013 per lo svolgimento di attività di docente nei corsi in materia di salute e sicurezza sul lavoro?
 
Analizzando quanto indicato dal quinto criterio emerge che è necessario essere in possesso di:
"Esperienza lavorativa o professionale almeno triennale nel campo della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro coerente con l'area tematica oggetto della docenza. Più una delle seguenti specifiche (didattica):
- percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all'insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione;
- docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza;
- docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia;
- affiancamento a docente, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia.
 
Quindi, chiunque intenda avvalersi del quinto criterio di cui al decreto 6 marzo 2013 dovrà dimostrare di aver svolto, sempre in maniera non episodica, per almeno tre anni "esperienza lavorativa o professionale " ( ... ) "coerente con l 'area /ematica oggetto di docenza ". A tale requisito, occorrerà aggiungere la dimostrazione del possesso di una delle quattro alternative (percorso formativo in didattica, docenza ... ) individuate dalla norma.
 
 
Ricordiamo infine che il possesso dei criteri di qualificazione non può essere dimostrato con un’autocertificazione, ma deve essere dimostrato con idonea documentazione, quale ad esempio può essere un’attestazione del Datore di Lavoro o una lettera di incarico.
 
 
 
 
 
 
Federica Gozzini



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: mario montagna08/10/2014 (17:10:39)
Ma cosa diavolo centrano i consulenti del lavoro? ...fanno tutt'altro!!!!
Come fanno a tenere un corso sul rischio chimico, elettrico, rumore, incendio?
La commissione ti dice che avere un titolo universitario (ingegnere, chimico, fisico) non serve!!! È esagerato!!
Basta avere il barista sottocasa (datore di lavoro) che ti fa una referenza un piccolo corso da 24 ore(magari online)... et oila'....sei pronto per fare sicurezza!!!!...facile facile.
Stasera accartoccio la pergamena di laurea in ingegneria e del master postlaurea di 2 anni e le brucio!!!.... è uno schifo totale!!!!
Rispondi Autore: Marco Magni 09/10/2014 (09:55:31)
Ma va ?

Ci vuole una COMMISSIONE PER GLI INTERPELLI per leggere il testo di un Decreto ?

Mi pare che la Commissione (almeno in questo caso ma anche in tanti altri) non faccia altro che ribadire quello che c'è scritto nei testi di legge.

Potrebbe essere utile che Associazioni di Categoria e Ordini avessero qualcuno al loro interno con l'incarico di LEGGERE i testi della normativa (... senza altri costi per i contribuenti) ?

:)
Rispondi Autore: Marco Scansani11/10/2014 (09:05:13)
Il barista sotto casa deve avere esperienza almeno triennale.
Inoltre deve avere fatto 40 ore di docenza in qualunque materia, sempre che qualcuno gliela abbia fatta fare....
per quanto riguarda la laurea, per "docere" non serve, punto e basta. E con quella breve (esempio: ingegneria della comunicazione), puoi fare perfino l'RSPP; basta fare ol MODULO "C".
E'il mercato che da il lavoro: come si vede, la laurea in se o non serve al caso specifico, o ti regala parfino un "esperienza da RSPP"
Rispondi Autore: Antonio Esposito28/06/2016 (15:33:21)
Salve ho una laurea magistrale in ingegneria della sicurezza e protezione civile, ho fatto affiancamento in docenza per corsi di formazione ai sensi dell'81/08 e dm 10/3/98, sicurezza sul lavoro e addetti antincendio, per più di 48 ore . Come faccio a dimostrarLO? Basta una dichiarazione scritta da parte dell mio collega docente?

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: