LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

  

I quesiti sul decreto 81: la formazione del RSPP laureato


Sulla formazione e sull’aggiornamento dei responsabili del servizio di prevenzione e protezione. A cura di G. Porreca.

Pubblicità
 
Commento a cura di G. Porreca.
 
1° quesito
Sono in possesso di una laurea triennale (ingegneria dell’informazione classe n. 9) ottenuta nell’ottobre 2003 e che mi esonera dal corso modulo A e da tutti i moduli B. In febbraio 2010 ho frequentato e superato il modulo C. Ovviamente i miei moduli B sono scaduti in ottobre 2008. Nelle mie condizioni per poter svolgere l'attività di RSPP devo solamente frequentare gli aggiornamenti dei moduli B (pacchetto di 40, 60, 100 ore a seconda dei moduli B che voglio mantenere aggiornati) o devo rifare i moduli B avendoli fatti scadere?
 
Risposta al 1° quesito
L’ esonero dalla frequenza dei moduli A e B, stabilito con l’art. 32 comma 5 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro, è di natura permanente e conserva pertanto la sua validità nel tempo. Lo stesso art. 32 al comma 6, recependo quanto già stabilito dall’abrogato D. Lgs. n. 195/2003, ha disposto che i responsabili e gli addetti ai servizi di prevenzione e protezione debbano frequentare un corso di aggiornamento secondo gli indirizzi definiti dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano.
Ai sensi del punto 3 dell’Accordo siglato il 5/10/2006 nell’ambito della Conferenza Stato Regioni e pubblicato sulla G. U. del 7/12/2006 la decorrenza dell’aggiornamento quinquennale parte dalla data di conseguimento della laurea triennale e quindi nel caso in esame il lettore che ha conseguita la laurea nel 2003 avrebbe già dovuto frequentare il corso di aggiornamento della durata di 40, 60 o 100 ore a seconda del macrosettore o dei macrosettori nei quali intende svolgere la propria attività di RSPP o ASPP e secondo gli indirizzi forniti da un altro Accordo siglato il 26/1/2006 nell’ambito della Conferenza Stato Regioni e pubblicato sulla G. U. del 14/2/2006.
Sostanzialmente, quindi, al momento il lettore non possiede più i requisiti per poter svolgere sia l’attività di addetto che di responsabile dei servizi di prevenzione e protezione e li riacquisterà dopo aver assolto all’obbligo dell’aggiornamento quinquennale.
 

Pubblicità
Scale: utilizzo in sicurezzaVideocorsi in DVD - Scale: utilizzo in sicurezza
Formazione sui rischi specifici per chi utilizza scale in ufficio, nel magazzino, nella grande distribuzione (Art. 37 D.Lgs. 81/08)

  
2° quesito   
Vorrei porre un quesito relativo alla formazione di aggiornamento del RSPP che non sia datore di lavoro. Vorrei sapere se, anche coloro che non sono datori di lavoro ma che esplicano il ruolo di RSPP sono obbligati a seguire corsi di aggiornamento entro i cinque anni di acquisizione del titolo di RSPP? A quanto ammonta la durata in ore? Come mai non se ne fanno molti in giro?
 
Risposta al 2° quesito
L’obbligo di aggiornamento per i RSPP e gli ASPP è fissato dall’art 32 comma 6 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e la durata e le modalità sono state stabilite, su delega del legislatore, dalla Conferenza Stato Regioni nell’ambito dell’Accordo raggiunto in data 26/1/2006 e pubblicato sulla G. U. del 14/2/2006. Più precisamente, secondo quanto indicato al punto 3. del citato Accordo, la durata dei corsi di aggiornamento per i RSPP è stata stabilita in:
60 ore per i macrosettori di attività Ateco 3, 4, 5 e 7
40 ore per i macrosettori di attività Ateco 1, 2, 6, 8 e 9 e
100 ore per quelli che vogliono svolgere l’attività in tutti i macrosettori
e per quanto riguarda gli ASPP
28 ore per tutti i macrosettori Ateco.
In merito alla osservazione fatta dal lettore secondo la quale la formazione in aula dei RSPP e degli ASPP non risulta molto diffusa in Italia ciò si spiega probabilmente con il fatto che la formazione di aggiornamento stessa, secondo quanto esplicitamente indicato nel punto 3. del citato Accordo del 26/1/2006, può essere fatta anche con la formula della FAD e cioè della formazione a distanza ed inoltre con il fatto che, in analogia a quanto indicato nell’Allegato XIV del D. Lgs. n. 81/2008 per quanto riguarda l’aggiornamento dei coordinatori per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, è molto diffuso in Italia  il ricorso all’aggiornamento mediante la partecipazione a convegni e seminari organizzati per quello scopo.  
 
   
3° quesito
Mi sono laureato in Ingegneria Civile nel 2006 e poi ho svolto il corso come coordinatore della sicurezza nel 2009 (corso di 120 ore con esame finale). Ora vorrei intraprendere "la carriera di RSPP". Leggendo il Testo Unico 81/2008 e s.m.i. ho appreso che essendo esentato dai moduli A e B dovrei seguire solo il modulo C di 24 ore. Dopo aver seguito il modulo C posso svolgere la figura del RSPP in qualsiasi azienda oppure solo in aziende legate al ramo dell'ingegneria civile cioè a quello della mia laurea?
 
Risposta al 3° quesito
Non si confonda la formazione del coordinatore per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili con quella dei RSPP e ASPP nel settore delle costruzioni. La prima, abilitante a svolgere l’attività di coordinatore per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, tale essendo quel tecnico che il committente dell’opera ha nominato per svolgere l’attività di coordinamento di più imprese esecutrici che operano nel cantiere installato per eseguire l’opera commissionata, è fissata dall’art. 98 comma 2 del D. Lgs. n. 81/2008 e consiste nella frequenza di un corso di 120 ore con i contenuti e le modalità individuate nell’Allegato XIV dello stesso decreto legislativo, e la seconda, relativa all’attività del RSPP, tale essendo il responsabile del servizio di prevenzione e protezione nominato dal datore di lavoro ed al quale sono affidati i compiti di cui all’art. 33 del D. Lgs. n. 81/2008 e che può operare in tutti i settori di attività, è stata stabilita con l’art. 32 del suddetto decreto e regolamentata da due Accordi siglati in sede di Conferenza Stato Regioni, uno il 16/1/2006 e l’altro il 5/10/2006, i quali hanno fissato dei macrosettori di attività Ateco fra i quali il macrosettore delle costruzioni individuato con il macrosettore 3.
Ora il lettore che ha frequentato il corso della durata di 120 ore per svolgere l’attività di coordinatore per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili chiede se è esonerato dalla frequenza dei moduli corrispondenti al macrosettore delle costruzioni per poter svolgere la funzione di RSPP per conto di imprese del settore edile. In merito si precisa che l’esonero dalla frequenza dei moduli A e B è stato fissato nell’art. 32 comma 5 del D. Lgs. n. 81/2008, successivamente integrato e modificato dal D. Lgs. n. 106/2009, e dalla lettura dello stesso articolo emerge che possono usufruire dell’esonero dalla frequenza dei moduli A e B solo coloro che sono in possesso di una laurea in una delle classi esplicitamente indicate nell’articolo medesimo oltre al fatto che gli stessi dovranno, altresì, completare la formazione frequentando sia il modulo C che il corso di aggiornamento.
Si precisa, infine, che l’esonero dalla frequenza del modulo B riguarda tutti i macrosettori di attività (e non solo quello delle costruzioni) per cui al termine della frequenza del modulo C gli esonerati potranno svolgere l’attività di RSPP e ASPP in tutti i settori di attività lavorative.
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
 


Commenta questo articolo!


Autore: Manuela Bellomo24/10/2014 (12:38:10)
Salve. Sono un RSPP ma sono anche diventata Datore di lavoro di un'azienda di cui ero e sono anche RSPP. Il mio titolo di RSPP copre anche quello relativo al modulo sulla sicurezza che svolge il DL?
Autore: Nicolino PALLADINO08/10/2014 (22:12:44)
Sono laureato in ingegneria meccanica nell'anno 2007, corso di laurea triennale. Ho frequentato il modulo C. Mi viene data la possibilità di essere nominato quale RSPP in un pubblico ufficio con un numero di dipendenti pari a 35. Giuridicamente posso assumere questo incarico essendo in possesso di laurea triennale?- Grazie
Autore: Eliana Cogotti07/07/2014 (13:43:55)
Non mi è chiara una cosa.
Mi sono laureata in tecniche della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro nell'aprile 2012. Ho svolto, essendo esonerata dai moduli A e B, il modulo C nel maggio del 2012. Purtroppo non sono mai riuscita a praticare la professione di RSPP perchè reputata, forse ragionevolmente, con poca esperienza essendo giovane e neolaureata.
Devo comunque fare l'aggiornamento quinquennale per poter mantenere il mio titolo?E se si, quali corsi/moduli devo seguire?
Autore: Pamela M27/03/2014 (00:04:17)
Buon giorno..
Sono in possesso di attestato di formazione valida ai sensi dell'art. 37 legge 81/08 e s.m.i di 8 ore per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro.
Questo attestato mi esonera dal RSPP?
Grazie
Autore: Mario Rossi28/07/2013 (15:19:45)
Egregio Dott. Porreca, ho conseguito la laurea triennale in ingegneria informatica (L8) il 30 gennaio 2006 e la laurea specialistica in ingegneria dell'automazione (LS 29) in data 29 aprile 2009. Ho conseguito l'attestato di RSPP modulo C in data 30 giugno 2009. Le chiedo la cortesia di indicarmi la data in cui il ruolo di RSPP esterno perde "operabilità" per mancato aggiornamento del corso RSPP modulo B. Inoltre, le chiedo la cortesia di indicarmi il numero di ore previste dell'aggiornamento summenzionato per una società il cui settore ateco di appartenenza è: "Altri servizi di sostegno alle imprese e nca" (829999). Cordiali saluti.
Autore: marika13/06/2013 (18:57:11)
Buona sera sono in possesso di una laurea triennale in assistenza sanitaria, mi occupo di prevenzione e promozione alla salute, vorrei sapere se con la mia laurea posso formare i lavoratori o devo necessariamente seguire i corsi di rspp? E se devo fare tutti e tre i moduli..
Autore: Ottavio verbicaro26/03/2013 (20:15:21)
ho fatto il corso di 120 ore per il coordinatore per la sicurezza in progettazione ed in esecuzione dei lavori il 18/01/2011 vorrei sapere gentilmente se devo fare aggiornamenti.
Distinti saluti
Autore: gisella ariano18/03/2013 (17:05:32)
Buongiorno, sono un ingegnere per l'ambiente e il territorio. Ho conseguito la laurea specialistica nel settembre 2008 e la triennale nel marzo 2004. Per quanto ho letto dalla normativa vigente, sono esonerata dai moduli A e B. Volevo sapere, se ora seguo il modulo C, che devo fare per l'aggiornamento degli altri moduli? Che tempistiche ho? grazie
Autore: Giovanni Bevilacqua04/03/2013 (14:31:05)
Salve
sono un architetto abilitato all'esercizio della libera professione che ha conseguito (il 27 giugno 1997) un attestato di frequenza con merito di 140 ore, con esame finale,a conclusione del corso per "Coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione dei lavori". Il 19 dicembre 2008 ho frequentato il corso di 24 ore, con esito positivo, per il Modulo C.
Posso rivestire il ruolo di RSPP in una scuola ove insegno con contratto a tempo indeterminato?
Vi ringrazio per la risposta.
Claudio Stella
Autore: marcello madeo01/03/2013 (13:29:31)
salve, sono laureato in ingegneria edile nel 2000 e fatto il corso di coordinetore sicurezza nel 2001, quindi sarei esonerato dei modili A e B, per svolgere il servizio di RSPP devo fare il corso modulo C e aggiornamento del modulo B entro il 15/05/20123?
Autore: Massimiliano Aprea28/02/2013 (16:50:00)
Salve, sono laureato in ingegneria informatica. Qual è il mio macrosettore ATECO di appartenenza? 9? 8?
Grazie.
Autore: Massimiliano Aprea28/02/2013 (16:15:57)
Salve, sono laureato in ingegneria informatica. Qual è il mio macrosettore ATECO di appartenenza? 9? 8?
Grazie.
Autore: Virginio Leone10/10/2012 (22:55:18)
Salve, buonasera, scrivo il seguente commento per illustrare la mia situazione. Ho conseguito la laurea triennale il 26 ottobre 2007 ed ho frequentato il modulo C in giugno 2012, ho l'obbligo di aggiornamento per ottobre 2012, quando scade l'aggiornamento perderò anche il modulo C? e posso aggiornarmi anche successivamente al 26 ottobre 2012 senza conseguenze? Una volta fatti gli aggiornamenti per i macrosettori ATECO di mio interesse e avendo il modulo C posso lavorare come RSPP? oppure devo frequentare l'intero corso?
Autore: D'Arienzo Ferdinando26/07/2012 (09:54:32)
salve,
nel 2010 ho conseguito la laurea specialistica in architettura ed ingegneria edile classe 4/S.
tra le classi di laurea che sono esentate dai moduli A e B nel TU c'è la classe 4, non la 4/S. con la 4/s sarei esentato?
Autore: RUCO FEDERICO11/07/2012 (17:35:41)
Dovrei effettuare l'aggiornamento quinquennale al corso RSPP come lavoratore autonomo per il settore edilizia. Quante ore devo effettuare?
Autore: PIPPO PIPPO30/03/2012 (10:28:58)
sono laureato ingegneria triennale ....mio padre ha 2 societa srl....in cui sono socio di una srl e dipendente di un'altra srl...per poter fare l'rspp in tutte e due le societa' cosa mi occorre???tutti e 3 i moduli a-b-c-????
grazie della risposta
Autore: Antonio Iezzi05/12/2011 (12:24:53)
buongiono, mi sono laureato nel 2008 nella laurea triennale in Ingegneria Edile e vorrei frequentare il corso per espletare l'attività di RSPP.
Vi chiedo gentilmente alcune informazioni:
- Ho diritto agli esoneri nonostante io non sia iscritto all'ordine?
- Se sì, per quali moduli sono esonerato? Devo effettuare comunque dei test di verifica preliminare per rendere effettivo l'esonero?
Vi ringrazio anticipatamente.
Autore: Giorgio Baldelli04/10/2011 (13:55:21)
Vorrei espelatare l'attività di RSPP per cantieri temporanei e mobili e nel settore delle costruzioni. Sono un laureato in ing. civile (3+2) rientrante nell'elenco dei corsi di laurea esonerati dalla frequenza dei moduli A e B, stabilito con l’art. 32 comma 5 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81. Desidero sapere se mi è sufficente partecipare al modulo C del corso (quante ore?)e svolgere inoltre un corso di aggiornamento (quale e quante ore di durata?). Ringrazio e saluto.
Autore: giorgio rossi20/12/2010 (11:41:18)
nella 81 08 e successive sono specificate le lauree esonerate dai moduli A e B, ma da quello che leggo sono specificate solo le lauree nuovo ordinamento, e chi ha conseguito la laurea in architettura conil vecchio ordinamento? è ugualmente esonerato? non è molto chiaro, e poi io ho anche frequentato il corso per la sicurezza nei cantieri nel 2007, e l'anno prossimo farò l'aggiornamento, devo cmq seguire il corso per rspp modulo C se voglio svolgere questo compito?
grazie
Autore: giorgio rossi20/12/2010 (11:40:51)
nella 81 08 e successive sono specificate le lauree esonerate dai moduli A e B, ma da quello che leggo sono specificate solo le lauree nuovo ordinamento, e chi ha conseguito la laurea in architettura conil vecchio ordinamento? è ugualmente esonerato? non è molto chiaro, e poi io ho anche frequentato il corso per la sicurezza nei cantieri nel 2007, e l'anno prossimo farò l'aggiornamento, devo cmq seguire il corso per rspp modulo C se voglio svolgere questo compito?
grazie
Autore: Alessandro Verga14/12/2010 (11:32:38)
Sono in possesso di una laurea triennale (ingegneria civile - classe 8 delle laureee in ingegneria civile e ambientale DM 509/99) ottenuta nel Marzo 2007; la mia laurea è conforme alle lauree di classe 8 del decreto del ministero dell'università del 2000? Ho posto il quesito anche all'università ma non ho ancora ricevuto risposta!!!
Autore: Anna Rossi20/10/2010 (18:04:12)
Può il datore di lavoro di un' amministrazione pubblica emanare oggi un decreto di nomina di nuovi RSPP che sostituisca integralmente tutti i decreti emanati dai precedenti datori di lavoro contro l' art. 2103 del codice civile?
Autore: Anna Rossi20/10/2010 (17:42:11)
Coloro, riconosciuti RSPP da appositi decreti a cominciare dal 1997, con relative responsabilità, che non hanno seguito i corsi di aggiornamento, che aspettative hanno oltre quella di vedersi togliere una mansione, oggi?
Autore: riccardo borghetto09/10/2010 (18:11:52)
Il fatto che sul possesso dei requisiti di una funzione cosi importante come l'RSPP si scatenino quesiti e interpretazioni sta a significare che la norma è stata scritta in modo iadeguato. A mio avviso dovrebbe essere scritta in modo molto, molto semplice e senza necessità di interpretazioni. Per inciso, da ingegnere quale sono, ritengo che un ingegnere che non ha fatto nessun corso di sicurezza, non abbia nessuna professionalità in questo settore e quindi non dovrebbe assumersi incarichi RSPP. Anche in questo caso, le lobby professionali hanno stravolto dei principi minimi di logica.
saluti
Autore: Francesco Cuccuini09/10/2010 (10:22:00)
Mi pemetto di rispondere a tutti...

@ Chiara Buonopane

La norma parla di laurea o diplona NON di iscrizione all'Ordine o al Collegio.
Poi che sia più opportuno... é un altro discorso.

@ Pietro Caridi

nella sostanza potrebbe essere così ma NON sono validi come aggiornamento del modulo B precedente.

@ Jacopo Sassello

Perchè Larrivare allo stesso titolo non significa affatto aver svolto lo stesso percorso formativo.

@ Roberto Pirovano

Alla scadenza dei 5 anni devi aver conseguito aggiornamenti per 40, 60 o 100 ore.
Con vincolo del 20% entro il primo anno e il restante 80% entro la data di scadenza.

Saluti a tutti
Autore: Roberto Pirovano07/10/2010 (11:11:07)
Ho conseguito il modulo B4 nel 2009, leggendo un estratto dell'Accordo del 26/1/2006 al punto 2.4.2 Modulo B si dice che la validità è di 5 anni alla scadenza dei quali scatta l'obbligo dell'aggiornamento. Tale aggiornamento è valido anche se spalmato nei 5 anni di validità (nel mio caso dal 2010 al 2015)o deve essere per forza fatto alla scadenza?
Autore: Jacopo Sassello06/10/2010 (20:44:16)
Sperando di indurre l'autore a pubblicare ulteriori precisazioni, aggiungo:
Se, come mi risulta, sono esenti anche i tecnici triennali, visto che arrivare ad una laurea quinquennale frequentando due ulteriori anni porta a seconda dei casi alla laurea in Ingegneria, Medicina o Chimica, perchè non sono esentati anche medici e chimici? Grazie
Autore: Pietro Caridi06/10/2010 (19:57:58)
buongiorno, più che un commento vorrei porre un'ulteriore quesito, avendo conseguito in un primo momento il modulo A, il modulo C e il macrosettore B8, e successivamente i macrosettori B6 e B7, gli ultimi due essendo stati conseguiti all'incirca un'anno dopo, possono gli stessi fungere da aggiornamento per il primo macrosettore, ossia il B8?
saluti
Autore: Balsi Silvia06/10/2010 (15:24:08)
Penso di tovarmi nella medesima situazione del quesito 1, ma vorrei una conferma.
Mi sono laureata in ing. ambientale nel 2003. Dovrei assumere l'incarico di RSPP a partire dal 01/01/2011 e ho svolto, essendo esonerata dai moduli A e B, il modulo C nel marzo del 2010.
Devo comunque fare l'aggiornamento quinquennale per il macrosettore di appartenenza della mia azienda, essendo passati i 5 anni dalla mia laurea?
Autore: Luciano Colella06/10/2010 (11:45:29)
E per i triennali in tecniche di prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro?
grazie?
Autore: Chiara Buonopane06/10/2010 (09:49:37)
Oltre alla formazione specifica,è necessario essere iscritti ad un ordine professionale per fare il coordinatore nei cantieri temporanei e mobili?
Autore: Francesco Cuccuini06/10/2010 (08:00:22)
Quindi la laurea dispensa dalla frequenza dei moduli A, B1, B2, B3...
Il modulo C occorre frequentarlo.

Saluti

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: