LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Formatore per la sicurezza: quali requisiti per tenere i corsi?


I requisiti minimi dei formatori, alla luce degli accordi Stato-Regioni e della normativa vigente, per la formazione di lavoratori, RSPP, RLS, dirigenti, preposti, coordinatori, primo soccorso, antincendio, attrezzature, ponteggi, DPI … Di R.Borghetto.

Pubblicità
 
Marghera, 21 Nov – Con decorrenza 18/3/2014 e cioè dodici mesi dalla data di pubblicazione in gazzetta ufficiale del Decreto Interministeriale 6/3/2013, entrano in vigore i nuovi requisiti del docente formatore e vanno in soffitta quelli del regime transitorio dei 3 anni di “esperienza documentata professionale o didattica in materia di salute e sicurezza sul lavoro almeno triennale”.
 
A quali corsi si applica la nuova qualifica del formatore per la sicurezza?
Per rispondere correttamente è necessario ripercorrere l’iter normativo partendo dal testo unico Sicurezza e nello specifico dall’articolo 6 comma 8 che definisce i compiti della Commissione Consultiva Permanente che al punto m-bis recita “elaborare criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro, anche tenendo conto delle peculiarità dei settori di riferimento”.
Se ci si ferma a questo solo punto, sembra che la qualificazione del formatore abbia valenza generale rispetto al tema della sicurezza e salute.
 
Gli accordi tra Stato, Regioni e Province autonome del 21/12/2011 che danno attuazione agli articoli 34 e 37 del d.lgs 81/08 contengono i requisiti dei docenti limitatamente ai corsi definiti da tali accordi.
Viene citato un futuro regime definitivo “in attesa della elaborazione della commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro dei criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro” e uno transitorio “dimostrare di possedere esperienza almeno triennale di insegnamento o professionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro. L’esperienza professionale può consistere anche nello svolgimento per un triennio dei compiti di RSPP, anche con riferimento al datore di lavoro”.
 
Esistono altre norme in corso di validità che per altri tipi di corsi esprimono altri tipi di requisiti per i docenti formatori in ambito salute e sicurezza:
-Accordo Stato Regioni del 26/1/2006 relativo ai requisiti dei corsi per la formazione degli RSPP e ASPP, che è attualmente in fase di revisione. Al punto 4.2.2 comma b è riportato “dimostrare di possedere una esperienza almeno biennale, maturata in ambito prevenzione e sicurezza sul lavoro”. 
-Accordo Stato Regioni del 22/2/2012 relativo all’'individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori: “2.1. Le docenze verranno effettuate, con riferimento ai diversi argomenti, da personale con esperienza documentata, almeno triennale, sia nel settore della formazione sia nel settore della prevenzione, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro e da personale con esperienza professionale pratica, documentata, almeno triennale, nelle tecniche dell’utilizzazione delle attrezzature di che trattasi. (...)”. 



Pubblicità
Dirigenti - 16 oreDirigenti - Dirigenti - 16 ore
Corso di formazione generale per i Dirigenti di tutti i settori o comparti aziendali
 
 
Per quanto riguarda i coordinatori in fase di progettazione ed esecuzione di cui al titolo IV del D.lgs 81/08, i corsi di formazione sono normati dall’allegato XIV che non definiscono alcun requisito in merito ai docenti.
A questo proposito anche il decreto interministeriale del 6/3/2013 afferma che “i criteri previsti nel presente documento non riguardano la qualificazione della figura del formatore-docente in relazione ai corsi specifici per Coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori (art 98 del D.lgs. 81/08 e s.m.i), per Rspp/Aspp (articolo 32 dello stesso decreto) e/o ad altre specifiche figure. Il prerequisito e i criteri previsto dal presente documento non riguardano le attività di addestramento”.
Per quanto attiene ai corsi antincendio di cui al DM 10/3/1998 (anche questa normativa è in via di aggiornamento) nell’allegato IX non viene richiesto alcun requisito per quanto attiene al docente formatore.
 
Per quanto attiene ai corsi di primo soccorso di cui al Dm 388/03 i requisiti sono esplicitati nell’articolo 3 comma 2: “La formazione dei lavoratori designati è svolta da personale medico, in collaborazione, ove possibile, con il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale. Nello svolgimento della parte pratica della formazione il medico può avvalersi della collaborazione di personale infermieristico o di altro personale specializzato”.
 
Per quanto attiene ai soggetti che operano all’interno di ambienti sospetti di inquinamento o confinati, tra i requisiti di qualificazione di imprese e lavoratori autonomi vi è:d) avvenuta effettuazione di attività di informazione e formazione di tutto il personale, ivi compreso il datore di lavoro ove impiegato per attività lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, specificamente mirato alla conoscenza dei fattori di rischio propri di tali attività, oggetto di verifica di apprendimento e aggiornamento. I contenuti e le modalità della formazione di cui al periodo che precede sono individuati, compatibilmente con le previsioni di cui agli articoli 34 e 37 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, entro e non oltre 90 giorni dall'entrata in vigore del presente decreto, con accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sentite le parti sociali” (DPR n. 177 del 14/09/2011).
Ad oggi sono passati non 90 gg ma un paio di anni e su un argomento cosi importante non sono stati emanati requisiti per la regolamentazione dei corsi di formazione.
 
In sostanza la situazione attuale e futura dei requisiti dei formatori in ambito sicurezza e salute può essere espressa dalla seguente tabella.
 
Tipo di corso
Riferimento normativo
Requisiti minimi Formatore-Docente
LAVORATORI
Accordo Stato-Regioni 21 dicembre 2011
D.I. 06 marzo 2013
Fino al 17 marzo 2014
Esperienza > 3 anni in docenza o insegnamento o professionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro
Dal 18 marzo 2014
Criteri di qualificazione previsti da D.I. 06 marzo 2013
PREPOSTI
Accordo Stato-Regioni 21 dicembre 2011
D.I. 06 marzo 2013
Fino al 17 marzo 2014
Esperienza > 3 anni in docenza o insegnamento o professionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro
Dal 18 marzo 2014
Criteri di qualificazione previsti da D.I. 06 marzo 2013
DIRIGENTI
Accordo Stato-Regioni 21 dicembre 2011
D.I. 06 marzo 2013
Fino al 17 marzo 2014
Esperienza > 3 anni in docenza o insegnamento o professionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro
Dal 18 marzo 2014
Criteri di qualificazione previsti da D.I. 06 marzo 2013
DATORI DI LAVORO\RSPP
Accordo Stato-Regioni 21 dicembre 2011
D.I. 06 marzo 2013
Fino al 17 marzo 2014
Esperienza > 3 anni in docenza o insegnamento o professionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro
Dal 18 marzo 2014
Criteri di qualificazione previsti da D.I. 06 marzo 2013
RSPP-ASPP e Aggiornamenti
Accordo Stato-Regioni 26 gennaio 2006
Esperienza > 2 anni in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro
RLS
Nessuno
CSE-CSP
D. Lgs. 9 aprile 2008, Allegato XIV
Nessuno
ANTINCENDIO
D.M. 10 marzo 1998
Dip. VV.FF. circ. 23 febbraio 2011, n.12653
Nessuno
PRIMO SOCCORSO
D.I. 15 luglio 2003, n. 388
Personale medico (Laurea in Medicina e Chirurgia)
CEI 11-27
Norma CEI 11-27
Conoscenza delle norme di sicurezza nella progettazione ed esercizio in materia di impianti elettrici, esperienza nel settore elettrico, esperienza come docente / formatore.
SPAZI CONFINATI
D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, art. 66
D.P.R. 14 settembre 2011
Nessuno
USO DPI 3^ CATEGORIA
D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, art. 77
Nessuno
CANTIERI STRADALI
D.I. 4 marzo 2013
Esperienza > 3 anni nel settore stradale, nel settore della formazione o nel settore della prevenzione, sicurezza e salute nei cantieri stradali
PONTEGGI
D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, art.  137 comma 6 e 7, Allegato XXI
Esperienza > 2 anni sia nel settore della formazione, sia nel settore della prevenzione, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro
ABILITAZIONE ALL’USO DI ATTREZZATURE DA LAVORO
Accordo Stato-Regioni 22 febbraio 2012
Esperienza > 3 anni sia nel settore della formazione, sia nel settore della prevenzione, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro
 
 
Considerazioni finali:
 
Nonostante commissioni affollate e costose per i contribuenti il risultato è sotto gli occhi di tutti: normativa lacunosa e criteri assenti o perlomeno non omogenei.
Ci sono anche situazione paradossali come docenti formatori in ambito sicurezza e salute che ad oggi hanno già i requisiti conformi alla normativa futura, ma non possono fare formazione perché non in possesso dei requisiti attuali.
Visto che la formazione è ritenuta una misura fondamentale per ottenere gli obiettivi di sicurezza e salute, è auspicabile un intervento del legislatore volto a definire in modo semplice e univoco i requisiti che devono avere i formatori.
 
 
Ing. Riccardo Borghetto
 

 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Autore: valbona toci19/06/2014 (15:22:49)
salve io sono rspp da 1 anno quindi + di 6 mesi ) HO lavorato anche come docente, con la nuovo normativa (d-gls 81/08)) e le nuove modifice del 18 /03/2014 posso fare oltre a fb, corsi di I socorsso, antincendio, preposto, DPI uso 3° categoria, ECC ????????
Autore: irene20/05/2014 (10:10:06)
Salve,vorrei sapere se con la laurea triennale in infermieristica posso insegnare primo soccorso o anatomia,dermatologia e igiene a scuole di formazione regionali o provinciali biennali? O posso insegnare area disabilità o sociale con anche il liceo pedagogico del2006?
Autore: Federica Rossi16/05/2014 (21:30:35)
Per quanto riguarda i corsi di primo soccorso (Dm 388/03)i requisiti esplicitati nell’articolo 3 comma 2: “La formazione dei lavoratori designati è svolta da personale medico...", è sufficiente essere un medico abilitato alla professione o occorre essere specializzato in medicina del lavoro?
Autore: Antonio Solinas02/05/2014 (12:03:41)
Buongiorno, Vorrei sapere se il Modulo C per RSPP può essere considerato valido come Corso formazione-formatori stabilito dal D.I. 06 marzo 2013.
grazie saluti
Autore: Luca Benigni10/04/2014 (08:25:16)
E per chi è laureato in Tecniche della prevenzione negli ambienti e nei luoghi di lavoro? Possibile che con questo titolo di laurea non si può fare il formatore? grazie
Autore: Ferdinando Bove04/04/2014 (17:33:36)
Faccio notare che oltre il riferimento all'art. 37 del DLgs 81/2008, l'attivita' formativa per gli ambienti confinati (obbligatoria per i lavoratori ed i preposti interessati), si inquadra nella formazione specifica per i lavoratori (riguardando i rischi della sua mansione) e nella formazione aggiuntiva del preposto (riguardando il suo ruolo). Se e' plausibile questa premessa, il formatore deve avere la conseguente qualificazione.
Autore: Francesco Palmieri28/03/2014 (15:40:43)
Leggo in buona sostanza che o hai docenza alle spalle o fare questo corso è tempo perso.
Pongo la domanda in altro modo così da stimolare le vostre risposte:
- ingegnere iscritto all'albo;
- abilitato coordinatore della sicurezza;
- abilitato L.818;

Può seguire il corso?
Grazie a tutti.
Autore: Francesco Palmieri28/03/2014 (14:20:58)
Leggo in buona sostanza che o hai docenza alle spalle o fare questo corso è tempo perso.
Pongo la domanda in altro modo così da stimolare le vostre risposte:
- ingegnere iscritto all'albo;
- abilitato coordinatore della sicurezza;
- abilitato L.818;

Può seguire il corso?
Grazie a tutti.
Autore: Luca19/02/2014 (17:36:12)
Leggendo l'articolo pongo una domanda molto pratica:
a quanto ho capito, essendo io un ingegnere, se frequento un corso di 24 ore come formatore per la sicurezza, posso essere docente (e quindi firmare l'eventuale attestato)solo per i corsi di Lavoratori, preposti, dirigenti, datori di lavoro/RSPP, RLS, CSE-CSP, Antincendio, Spazi confinati, Uso DPI 3 categoria, dal 18 marzo 2014. Mi confermate?

Grazie
Autore: Caterina Reboldi27/01/2014 (16:52:35)
Accordo Stato-Regioni 22 febbraio 2012 (Carrelisti)
Buona sera, vorrei effettuare il corso per carrellisti internamente, essendo azienda utilizzatrice residente in Lombardia non devo effettuare l'accreditamento ma la profilazione (7472 del 05/08/2013) e fino qui, tutto bene. ora, il formatore deve avere i famosi 3 anni d'esperienza, ma come lo si dimostra? è RSPP da molti più anni, questo basta o l'unico modo per dimostrarlo è la certificazione di carrellista?
Grazie a tutti per la risposta
Autore: Patrizio Cantelmi09/12/2013 (12:53:57)
Salve a tutti.
Come interpretate il comma 2 e il successivo comma 3 dell'art.1 del Decreto 6 Marzo 2013 sulla Qualificazione dei Formatori?

Al comma 2 si dice che i requisiti sono riferiti ai corsi previsti dagli art.34 e 37, cioè lavoratori, preposti, dirigenti, rspp/dl, ecc.
Tuttavia in questo comma si parla di "soggetti formatori", che lascerebbe intendere chi organizza il corso.
Al comma 3 si dice invece che i requisiti sono riferiti al formatore...
Autore: Fabio M.A.06/12/2013 (08:56:50)
Parlando di corso antincendio (quello che mi interessa!) stando a quanto letto sopra io potrei tenere un corso antincendio senza nessun tipo di documento che attesti la mia professionalità? Io lavoro nel settore antincendio da vent'anni e vorrei tenere i corsi, ma non pensavo non dovessi avere dei requisiti. Basterà frequentare uno di questi corsi e dopo potrò tenerlo io? Positivo per me, ma poco professionale...!!!
Autore: Domenico Marsicano04/12/2013 (11:50:45)
Per quanto riguardo il riferimento normativo per la formazione degli RLS è citato il DM 16/01/1997. Questo DM è stato emanato perchè previsto dall'art. 22 comma 7 del D.Lgs 626/94. Poichè il D.Lgs 626/94 è stato abrogato e sostituito dal D.Lgs 81/2008, il citato DM ha perso ogni efficacia. Il suo contenuto è stato trasferito nell'art. 37 del D.Lgs 81/2008. Ritengo che sarebbe più corretto indicare come riferimento normativo l'art. 37 commi 10, 11, 12 del D.Lgs 81/2008.
Autore: Roberto Cecchi29/11/2013 (08:29:43)
Prendo spunto dal post iniziale di Riccardo. Lo sappiamo tutti benissimo, senza ipocrisie, quali sono i requisiti dei docenti ai corsi di sicurezza. Conoscere benissimo l'attività lavorativa per cui si tengono i corsi, e avere un'ottima cultura tecnico-normativa. Punto e a capo. Poi adesso si cerca di dare con degli accrediti "Virtuali", sottolineo virtuali, delle qualifiche reali. Sono tecnico di 2 scuole edili da quasi vent'anni. Quando vengono a lezione i vecchi ingegneri o i capimastri che hanno costruito il mondo, non si bara, o le cose si sanno e si è fatta diversa "pratica" e le si traducono in termini tecnico normativi o si prende in giro l'utenza. Un ente serio non può permettersi questo. Poi facciamo finta di "giocare" a fare formazione. Un saluto a tutti.
Autore: Dino Mundicu Mocci 26/11/2013 (23:37:46)
Enuncio solo due punti relativi a :
1) Gianfranco Vecchio : il RLS non ha e non può avere alcuna autorità nella formazione in quanto è una figura di verifica e controllo dell 'operato del Datore di Lavoro, il quale lo deve tenere informato , per conto dei Lavoratori . Non ha quindi compiti operativi , e anche il formatore ha un compito operativo .
2) al momento , mi sembra molto riduttiva l'esperienza richiesta di 3 anni di competenza in materia di Sicurezza e Ambiente del Lavoro,, avrei optato più seriamente per almeno 5 anni con garanzie sui ruoli effettivi svolti , cioè documenti comprovanti l'effettivo svolgimento dei ruoli dichiarati nel CV .
Autore: Vittorio Bardini26/11/2013 (10:07:09)
condivido pienamente su di un punto essenziale... che spero presto diventi modifica all'Accordo: togliamo di mezzo questa "previa richiesta di collaborazione agli enti bilaterali"... "...se non trova riscontro ... entro 15 giorni..."
Se questi enti ci sono e funzionano bene... altrimenti, senza nessun altro OBBLIGO, un datore di lavoro procede autonomamente.
Autore: Riccardo Borghetto23/11/2013 (10:12:27)
un grazie a tutti per i vari commenti.
Vedo di rispondere.
@Vittorio Bardini: nel mio articolo ho parlato di docente formatore, cioè dei requisiti della persona fisica che deve tenere i corsi. l'Accreditamento è un requisito a carico dell'organizzazione (soggetto formatore è il termine riportato nell'accordo del 21/12/2011)che gestisce tutto il processo completo e non solo l'erogazione.Non bisogna confondere i due argomenti. Comunque colgo lo spunto e aggiornerò la tabella mettendo a lato anche i casi in cui serve o meno l'accreditamento.
@Davide: non ho mai visto finora requisiti per i docenti per i corsi di formazione formatori, quindi l'obiezione è corretta.
@Nini: non capisco perchè hanno fatto l'interpello. A volte basta leggere le norme. Non c'è mai stato nessun requisito per tenere i corsi antincendio, quindi non serve nemmeno essere ingegneri, periti ecc.
@Gori: ancora dietro ai paritetici ?
@ Vecchio:per quello che può valere la mia interpretazione penso di no.
Autore: Gianfranco Vecchio23/11/2013 (06:28:05)
In mancanza di una chiara ed esaustiva definizione, il concetto, molto generico, dell'esperienza almeno triennale nel settore della prevenzione, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro risulterebbe applicabile anche a chi a svolto compiti di RLS con formazione di 40 ore e aggiornamenti annuali svolti. Questa mia interpretazione può essere corretta?
Autore: Filippo Pataoner21/11/2013 (21:50:03)
La collaborazione con l'organismo paritetico è una stupidata, come lo è la presenza del tutor in aula (che io simpaticamente chiamo "bidello"). Queste due condizioni NON misurano l'apprendimento dei partecipanti. Quindi non servono a nulla. Fine. Comunque anche oggi, corso di formazione con 24 persone, baseline completamente diversa, 2 lav. stranieri che non capivano una mazza di italiano. é difficile fare formazione partendo da queste premesse. Ma dopotutto l'accordo stato regioni non obbliga nemmeno il test. Se non si ha la passione di insegnare questo equivale a far perdere ore ai lavoratori. Con il rispetto per i super formatori che non sanno nemmno accendere il computer.
Autore: Maurizio Di Cunzolo21/11/2013 (16:50:27)
@Gori : ancora con questi Paritetici? Pena il mancato riconoscimento da parte di chi?!?! Molto presto verrà chiuso questo ridicolo capitolo.
@Antincendio : nessun requisito per nessun livello di rischio. Chiunque può formare addetti antincendio basso, medio ed elevato. Nessuna abilitazione 818. Il formato alto rischio avrà poi da sostenere l'esame ai VVF.
Autore: Massimiliano Carpene21/11/2013 (11:21:50)
Condivido l'osservazione di Davide.
Siamo degli ammalati di perfezionismo in una nazione allo sbando. Il 15 novembre tutti a montare le gomme da neve e poi si legge che circolano tranquillamente 4 milioni ( 4 milioni ) di auto senza assicurazione con probabilità di essere scoperti tendenti a zero e con conseguenze personali tendenti a zero.
E noi qui a disquisire sui se e sui ma.
Autore: Davide21/11/2013 (11:07:13)
Soprattutto una domanda mi sorge spontanea : ma quale qualifica hanno i docenti che formano i formatori ?
Io ho partecipato (malgrado la mia laurea in Ingegneria) a questi corsi terminando tutto il percorso richiesto dal Dm 6.3.2013 e non mi sembra che in aula ci fossero poi queste grandi cime di docenti, alcuni a volte non erano neppure laureati.
Se l'accreditamento al ruolo di formatore deve essere fatto per forza mediante la solita "cricca" siamo al punto di partenza.
Si sono fatti la norma, se la sono fatta approvare tramite le loro solite conoscenze politiche ed ora incassano i quattrini !!!
Ma quando la smetteremo di prenderci in giro noi Italiani ?
Autore: Antincendio21/11/2013 (10:43:44)
il requisito dell'abilitazione in base all'818 è necessario per i corsi a medio/alto rischio ? Per il rischio basso non ci sono vincoli ?
Autore: Giacomo Gori21/11/2013 (10:34:35)
Relativamente alla formazione dei lavoratori e dei preposti, pur avendo i requisiti richiesti, è comunque obbligatoria la collaborazione con Organismi Paritetici (DL 81/08 art. 37 comma 12), pena il mancato riconoscimento del corso
Autore: Nunziatina Busacca21/11/2013 (09:09:46)
A me invece sono capitati attestati di RSPP datore di lavoro e antincendio firmati da un medico del lavoro........
Autore: Vittorio Bardini21/11/2013 (09:05:48)
Per essere docenti formazione occorre sicuramente avere il pre-requisito ed i requisiti secondo D.I. 06/03/2013.
Però dagli Accordi Stato-Regione appare una differenza fra formazione ai LAVORATORI e formazione ai DATORI DI LAVORO: solo nel secondo caso occorre essere un centro ACCREDITATO; nel caso di formazione ai lavoratori l'ACCREDITAMENTO non è richiesto.
Chiedo chiarimenti all'ing.Borghetto che nella sua tabella ha trattato i due aspetti nel solito modo.
Autore: Claudio Nini21/11/2013 (07:57:30)
In realtà, proprio su questa rivista, è stata pubblicata una risposta ad un interpello, in cui si faceva rferimento all'iscrizione negli elenchi della 818 per rilasciare attestati antincendio. Non so quale valenza possa avere ma ritengo la confusione in materia notevole. Facciamo sempre riferimento alla normativa che peraltro è in continua evoluzione e soprattutto stiamo "in campana"....proprio l'altroieri mi sono capitati degli attestati di primo soccorso rilasciati, firmati e timbrati da un ingegnere.....

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: