LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Concorso Inform@zione: premio speciale al videocorso “Le vibrazioni meccaniche”


Ancora un premio per un prodotto Mega Italia Media nella rassegna/concorso Inform@zione: il videocorso “Le vibrazioni meccaniche” è stato ritenuto “uno strumento efficace per prevenire rischi da vibrazioni da utilizzare nei corsi di formazione”.

Pubblicità
google_ad_client


Durante la rassegna Ambiente Lavoro Convention, che si è tenuta a Modena l’8 e il 9 ottobre 2008, si sono svolte le premiazioni dell'edizione 2008 della rassegna/concorso Inform@zione.
 
 
---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----






Questa rassegna, organizzata dall'Assessorato alla sanità della Regione Emilia-Romagna, l'Azienda USL di Modena, l'ISPESL e la Direzione regionale INAIL per l’Emilia-Romagna, ha in questi anni cercato di valorizzare i processi di informazione e formazione nell'ambito della sicurezza sul lavoro premiando i materiali giudicati più significativi.
                                                                   
Dopo aver vinto un premio fin dall’edizione 1996 con il videocorso “La sicurezza nel cantiere edile“, riconoscimento ripetuto nell’edizione 2002 con il 1° premio per la "Qualità del contenuto" del videocorso ''Il lavoro al videoterminale'', Mega Italia Media srl - azienda del gruppo Mega Italia che dal 1988 produce e vende corsi multimediali sulla sicurezza – è stato assegnato quest’anno un altro premio a conferma della qualità dei suoi prodotti e dei suoi percorsi formativi.
 
Nell’edizione del 2008 della rassegna/concorso, in cui sono stati presentati 212 prodotti tra libri, opuscoli, manuali, cd-rom e dvd, Mega Italia Media srl ha ricevuto il Premio Speciale per il videocorso "Le vibrazioni meccaniche".            
 
Questo prodotto - curato per quanto riguarda i testi e la consulenza scientifica dal dott. Luigi Dal Cason di Ecotarget - è stato ritenuto dal Comitato Organizzatore uno “strumento efficace per prevenire rischi da vibrazioni da utilizzare nei corsi di formazione”.   
 
Il videocorso premiato si occupa di un rischio spesso sottovalutato in ambito lavorativo, con conseguenze che non sono immediate ma dipendono dalla somma di svariate esposizioni nel tempo: il rischio vibrazioni.
 

 
Le lavorazioni in cui si utilizzano utensili vibranti o materiali sottoposti a vibrazioni o impatti, possono infatti indurre un insieme di disturbi a carico degli arti superiori, definito "Sindrome da Vibrazioni Mano-Braccio".
Ma anche le attività lavorative svolte a bordo di mezzi di trasporto o di movimentazione, quali ruspe, trattori, macchine agricole, carrelli elevatori e autocarri, espongono il corpo intero a vibrazioni che possono risultare nocivi.
 
Il rischio vibrazioni è stato sottolineato in questi anni con l’approvazione prima dell'articolo 6 del D.Lgs. 187/05 e poi del D.Lgs. 81/2008 che abroga la precedente legge e dedica ai rischi lavorativi derivanti da esposizione professionale a vibrazioni meccaniche il Capo I e III del Titolo VIII (Agenti Fisici). In queste normative per il datore di lavoro sono indicati obblighi di informazione e formazione per i lavoratori esposti a rischio vibrazioni.
 
Il videocorso di Mega Italia Media consente di effettuare la formazione obbligatoria in merito alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione a vibrazioni.
 
Nel corso vengono illustrate le misure che si possono adottare per eliminare o ridurre al minimo il rischio vibrazioni, i livelli d'azione e il valore limite dell'esposizione dei lavoratori.
Vengono inoltre forniti elementi per consentire di individuare in tempo i sintomi delle potenziali lesioni derivanti dalle attrezzature utilizzate e informazioni sui programmi di sorveglianza sanitaria.
 

Il videocorso, disponibilie in DVD, può essere utilizzato in autonomia da parte dell'utente o come strumento di ausilio per il formatore durante le sessioni in aula.



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: