LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

  

DPI e prevenzione per macellai e personale di cucina


Disponibile una pubblicazione di Suva relativa ai dispositivi di protezione individuale per macellai. I grembiuli e i guanti antitaglio, le misure di prevenzione, la manutenzione dei dispositivi e i disturbi della pelle.

Pubblicità
google_ad_client

Il sito di Suva, istituto svizzero per l'assicurazione e la prevenzione degli infortuni, ha il merito non solo di produrre molti materiali di formazione alla sicurezza e di usare un linguaggio semplice e diretto, ma anche quello di occuparsi di settori lavorativi molto specializzati che non sempre rientrano nei disegni più generali delle linee guida o delle pubblicazioni nostrane dedicate alla sicurezza sul lavoro.
 

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





Il documento che vi presentiamo brevemente oggi, prodotto qualche anno fa, è ad esempio destinato ai macellai, con indicazioni di protezione che, benché in parte valide per il personale di cucina, sono ritagliate sulla specificità di questa antica professione.
È evidente che in “Dispositivi di protezione individuale per macellai” alcuni riferimenti di legge sono relativi alle normative svizzere, ma i consigli e le indicazioni contenute sono di utilità anche per i nostri lavoratori.
 
Tra i dispositivi di protezione del corpo citati nel documento sono presenti sia i grembiuli che i guanti antitaglio, dispositivi che “garantiscono la necessaria sicurezza per eseguire i lavori di disossatura, scuoiatura e squartatura (depezzamento)”.
 
Durante queste attività – non necessariamente quando si affetta  occasionalmente la carne - i grembiuli antitaglio sono da indossare sopra, sotto o al posto dei grembiuli di stoffa o di gomma.
 
Ricordando poi che non bisogna mai manovrare “il coltello diretto verso il corpo o la mano che tiene la carne”, durante la disossatura, scuoiatura e squartatura è necessario proteggere la mano che tiene la carne con uno specifico guanto antitaglio.
Durante il taglio di carne congelata può essere utile indossare “sotto il guanto antitaglio un guanto usa e getta di plastica e sulla pelle un guanto leggero lavabile di cotone”.
 
Il documento prescrive inoltre che “per motivi igienici i grembiuli e i guanti antitaglio devono essere puliti e disinfettati giornalmente” e se “danneggiati devono essere riparati o sostituiti immediatamente”.
 
Un altro consiglio per evitare di accrescere i rischi lavorativi: “durante le interruzioni di lavoro deporre il coltello sempre in un posto ben visibile”!  
 
Le affezioni della pelle sono un disturbo che non è inusuale tra le persone che lavorano nelle macellerie o nei macelli, infatti “il lavoro a contatto con l'umidità o il freddo, il continuo lavarsi e disinfettarsi le mani favorisce la formazione di eczemi”.
Per proteggere le mani è bene:
- “usare una crema per la pelle adatta agli alimenti e spalmarla prima di iniziare il lavoro e dopo le pause”;
- usare una “crema poco grassa per la pelle alla fine del lavoro”.
 
Se poi durante il lavoro ci si ferisce comunque con un osso o un coltello, disinfettate e bendate la ferita con garza sterile e se necessario rivolgetevi al medico: le lesioni da punta o da taglio “possono essere la causa di gravi infezioni se non si provvede a medicarle subito”.
 
N.B.: I riferimenti legislativi riportati riguardano la realtà svizzera, i suggerimenti illustrati sono comunque utili per aumentare la consapevolezza dei rischi.
 
 
Dispositivi di protezione individuale per macellai”, opuscolo informativo prodotto da Suva (formato PDF, 172 kB).



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: