960x90 Expotraining settembre
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

02 maggio 2000 - Cat: Edilizia
  

Una storia infinita di incidenti


L'hinterland milanese è lo scenario di due incidenti gravi nel mondo dell'edilizia

Dopo quattro anni dalla formulazione e attuazione di direttive concernenti le prescrizioni minime di sicurezza e salute nei cantieri, è sempre il settore edile a mantenere alte le cifre del quotidiano bollettino di incidenti e infortuni sul lavoro.

Nell'hinterland milanese un artigiano muratore, mentre stava rifinendo la facciata esterna di una costruzione sita nel paese di San Pietro all'Olmo, è caduto schiantandosi al suolo dall'altezza di 15 metri. Purtroppo i soccorsi sono serviti a poco: l'artigiano si è spento pochi minuti dopo il terribile impatto. Un altro incidente, per fortuna senza conseguenze letali, è avvenuto nella zona industriale di Bernate Ticino, sempre nella periferia di Milano.

In questo caso il cedimento del tetto di un capannone ha trascinato con sé un operaio che era intento in lavori di pulitura. Fortunatamente il cofano di un'automobile, parcheggiata nel capannone, ha attutito il colpo riducendo il danno alla frattura delle gambe.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: