LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

07 febbraio 2014 - Cat: Preposti
  

L’importanza della qualificazione tecnica del preposto


Per i lavori in cui si richiede la guida di un preposto, le finalità di tutela della sicurezza del lavoro sono soddisfatte solo quando il preposto è dotato dei necessari requisiti per lo svolgimento dell’incarico. Di Rolando Dubini.

Pubblicità

Pubblichiamo alcuni estratti dal nuovo libro di Rolando Dubini, dal titolo “ Guida alla sicurezza per il Preposto e il Dirigente - I contenuti della formazione particolare aggiuntiva per il preposto e per il modulo giuridico per il dirigente”, pubblicato da Punto Sicuro/Media Italia Media nel maggio del 2013. Ci soffermiamo oggi in particolare sulla qualificazione tecnica del preposto.

Pubblicità
Dirigenti e Preposti - Safety CaffèVideocorsi in DVD - Dirigenti e Preposti - Safety Caffè
La formazione per dirigenti e preposti sulla sicurezza e salute sul lavoro

Le norme di tutela della sicurezza del lavoratore, in base alle quali si richiede che determinati lavori siano guidati da un capo squadra o da un preposto, “sono soddisfatte solo quando un lavoratore dotato della necessaria qualificazione tecnica per lo svolgimento di tale incarico sia stato espressamente investito di un siffatto ruolo, non essendo sufficiente che uno dei lavoratori abbia una qualifica che in astratto lo abiliterebbe a svolgere mansioni diverse da quelle alle quali è di solito addetto” (Cassazione penale, sez. VI, 24 maggio 1977, Chezzi): qui il problema è a carico del dirigente, che deve dimostrare di aver assegnato il compito di sovraintendere all'attività dei lavoratori a persona competente e capace.
 
Nello stesso senso:
1) Cass. Pen. sez. IV, 10/3/1995, n. 4432: all’imprenditore che abbia [provveduto a] nominare un preposto per sovraintendere determinate specifiche operazioni [ad es. caposquadra, caporeparto], designando una persona capace ed idonea a sostenere il ruolo assegnatogli, non può essere addebitato l'evento dannoso che si sia verificato per inosservanza delle disposizioni che regolano quelle specifiche operazioni;
2) Cass. Pen. sez. IV, 18/03/1986: in tema di infortunio sul lavoro l’imprenditore non va esente da responsabilità penale solo perché abbia delegato ad un capo cantiere l'apprestamento delle disposizioni antinfortunistiche, dovendo comunque dimostrare che la persona delegata sia qualificata e capace.
 
Chiarificatrice la sottolineatura della Cassazione penale (sez. IV, 26 giugno 1996, n. 6468, Fera) laddove evidenzia l'esigenza, normativamente imposta, di non porre a carico del preposto compiti spettanti esclusivamente al datore di lavoro o al dirigente che lo rappresenta: “il capo-squadra [quale preposto, n.d.r.], ha mansioni normalmente limitate alla sorveglianza sull'andamento dell'attività lavorativa, ha solamente il dovere di vigilare a che i lavoratori osservino le misure e usino i dispositivi di sicurezza e gli altri mezzi di protezione e si comportino in modo da non creare pericoli per sé e per gli altri, con la conseguenza che una responsabilità del preposto è inconcepibile allorché l'infortunio sia dipeso, non da omessa e insufficiente vigilanza nel senso suddetto, ma dalla mancanza degli strumenti, misure, cautele e accorgimenti antinfortunistici la cui predisposizione e attuazione spetta al datore di lavoro o al soggetto specificamente competente cui quest'ultimo abbia conferito apposita ed espressa delega”.
Questa sentenza mette in giusta evidenza la ripartizione funzionale, normativamente prevista, dei compiti prevenzionistici tra datore di lavoro, dirigente e preposto, e la non intercambiabilità dei compiti, che restano ognuno in capo al destinatario previsto dalla norma, in via generale e non derogabile, a meno che intervenga uno strumento specifico, ed esplicito, quale quello della delega.
 
La Cass. Pen. 21 dicembre 1995 n. 3483, aveva a suo tempo sottolineato che “secondo la giurisprudenza anche delle sezioni civili di questa suprema corte (cfr. tra le altre, sez: lavoro, 29 marzo 1995, n. 3738), le finalità di tutela della sicurezza del lavoro, in considerazione delle quali si richiede che determinati lavori siano eseguiti sotto la direzione o la sovrintendenza di dirigenti o preposti, sono soddisfatte solo quando un soggetto, dotato dei necessari requisiti per lo svolgimento dell’incarico, sia espressamente investito di un siffatto ruolo e della conseguente responsabilità, non essendo sufficiente l’avere affidato alla prudente discrezione di operai, sia pure esperti, l’applicazione di cautele e provvidenze prescritte a tutela degli stessi operai ed essendo, a maggior ragione, escluso che detto incarico possa essere attribuito al medesimo lavoratore direttamente impegnato nelle operazioni della cui sicurezza si tratta”. Ovvero nessuno può essere preposto di se stesso.
 
Infine (Cass, Sez. IV, Sent. 40939 del 5/12/2002) “in tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro, al fine di istituire una posizione di garanzia individuabile nella qualità di preposto non è sufficiente che il lavoratore abbia una qualifica superiore a quella degli altri dipendenti, ma è necessario che gli siano attribuiti, anche di fatto, poteri di sovraordinazione sugli altri dipendenti operanti in un determinato settore. Ne consegue che, nel caso in cui al dipendente è attribuito esclusivamente il compito di trasmettere gli ordini formulati da altri preposti o da un dirigente o dal datore di lavoro, non può egli divenire titolare della posizione di garante della salute e della sicurezza degli altri dipendenti”.
 
 
Rolando Dubini, avvocato in Milano
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: vincenzo cancellara07/02/2014 (07:34:52)
In più di una sentenza si riporta la locuzione "si richiede che determinati lavori siano eseguiti sotto la direzione o la sovrintendenza di dirigenti o preposti". Ma quali sono questi determinati lavori? Ad esempio, una cuoca che lavora da sola in una cucina, può farlo. Se sì, è preposta di se stessa.
Vincenzo Cancellara
Rispondi Autore: Damiano Guerra07/02/2014 (15:50:57)
Perché una cuoca che lavora da sola dovrebbe essere considerata preposto? Preposto significa caposquadra, in quel caso non c'è nessuna squadra! Lavora da sola!
Quali determinati lavori? Ad esempio nell'apposizione di segnaletica stradale è esplicitamente riportato (DM del 4/3/2013) che la squadra deve avere un preposto. E poi credo anche nell'edilizia, anche se non è il settore di cui mi occupo quindi non posso produrre riferimenti normativi
Rispondi Autore: A.C.O.08/02/2014 (21:15:55)
Ci siamo! Vladimir Iljc Ulianov aveva previsto che, prima o poi,lo Stato stesso“potrà essere diretto da una cuoca” senza un dominus, anzi datrice di lavoro lei di se stessa

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: