LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

18 marzo 2009 - Cat: Lavoratori
  

Nuove indicazioni INAIL sulla comunicazione del RLS


Secondo quanto disposto da una recente circolare dell'INAIL, il termine ultimo per l'invio all'Istituto del modello slitta di un mese e mezzo. La comunicazione deve essere inoltrata mediante la nuova procedura o si rischia la sanzione.

Pubblicità
google_ad_client

Più tempo per comunicare all'INAIL il nominativo del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. L'operazione dovrà essere realizzata via web, utilizzando il nuovo modello "Dichiarazione RLS" (o, in caso di problemi tecnici, anche via fax). E' quanto stabilito da una recente circolare emanata dall'Istituto, che fa slittare al 16 maggio prossimo il termine per l'invio.
 
 
---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





Spetta al Testo unico sulla sicurezza (D.lgs. 81/2008) l'avere rafforzato le funzioni di questa figura aziendale, facendone un punto di riferimento all'interno dell'impresa per quanto riguarda la valutazione dei rischi e la prevenzione/informazione dei dipendenti. Resta di responsabilità del datore di lavoro (o del dirigente pubblico o privato) comunicare all'INAIL entro il 31 marzo il nominativo dell'incaricato in carica dal 31 dicembre dell'anno precedente. Tuttavia, per il primo anno di applicazione - il 2009, per l'appunto - si è scelto di prorogare la scadenza ultima di oltre un mese e mezzo.
 
Come già detto, per assolvere a quest'obbligo di legge bisogna compilare il modulo via internet. Gli interessati, dunque, devono andare sul sito dell'INAIL, selezionare - previa registrazione - l'area "Punto cliente" e, successivamente, cliccare sul modello "Dichiarazione RLS" (i consulenti del lavoro potranno sostituirsi ai datori nella comunicazione, secondo una procedura semplificata per i clienti già inseriti nella "delega" INAIL del professionista). Per chi non riuscisse a orientarsi all'interno del portale dell'Istituto, basta rivolgersi a qualsiasi sede per potere essere affiancato da un operatore.
 
I dati richiesti permetteranno, così, di individuare l'unità produttiva interessata, il nome del rappresentante per la sicurezza e la data a partire dalla quale è operativo l'incarico. Nel caso insorgessero inconvenienti durante l'inserimento telematico delle informazioni, si può chiedere direttamente il modello RLS all'INAIL o scaricarlo dal sito, e inviarlo al già citato numero di fax (800.657.657).
 
Infine, chi avesse già provveduto spontaneamente alla comunicazione tramite posta o fax è tenuto a ripetere l'invio secondo le nuove procedure stabilite dalla circolare (in caso di inadempimento è prevista, secondo quanto stabilito dall'articolo 55 del Testo unico, una sanzione di 500 euro per ogni singola violazione).
 
L’area dell’INAIL "Punto cliente".
 
 
Fonte: INAIL.


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: