LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Le immagini dell’insicurezza


Ha 4 ruote, viene utilizzato per lavorare in quota, ma non è un “trabattello”.

Pubblicità
       
 
Trento, 20 Lug - Durante i lavori di montaggio degli elementi di finitura della facciata di un edificio, anziché utilizzare il classico ponte su ruote – comunemente denominato trabattello - che avrebbe egregiamente risolto i problemi legati al posizionamento degli operai ed alla corretta esecuzione del lavoro, qualcuno si è industriato per trovare una soluzione alternativa.
 

Pubblicità
Percorso formativo trabattelliModelli di documenti - Percorso formativo trabattelli
Modello di documenti, kit e linee guida sulla sicurezza

Il tetto del furgone diventa allora un piano di lavoro sul quale posizionarsi e l’accesso/discesa dal suddetto piano di lavoro avviene incastrando il piede destro sopra la cerniera del portellone posteriore ed il piede sinistro sulle scatole delle minuterie appoggiate su uno scaffale.
In entrambi i casi il rischio di caduta dall’alto è molto elevata e come sempre inaccettabile.
 
 
 
 
 
 

 
 
Da evidenziare anche l’operaio sul poggiolo del secondo piano che, posizionandosi su una scala portatile, supera agevolmente la protezione garantita dal parapetto presente.
Come spesso succede si nota anche la totale assenza di dpi e la mancata delimitazione dell’area di lavoro ed ancora una volta si rimane stupiti dalla superficialità con la quale vengono programmate ed effettuate molte lavorazioni.
 
Farina Geom. Stefano, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: