LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

02 dicembre 2015 - Cat: I quesiti sul decreto 81
  

I quesiti sul decreto 81: aggiornamento dei preposti


Sull’aggiornamento dei preposti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. A cura di G. Porreca.

Pubblicità

Quesito
Con riferimento a quanto stabilito con l' Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 sulla formazione dei lavoratori, dirigenti e preposti in materia di salute e sicurezza sul lavoro essendo stato il preposto comunque formato come lavoratore il suo aggiornamento quinquennale di 6 ore comprende quello come lavoratore o deve essere di 12 ore (6 ore come lavoratore + 6 ore per il ruolo di preposto)?
 

Pubblicità
 
 
Risposta
Il quesito è finalizzato a sapere se, essendo il preposto un lavoratore, il suo aggiornamento in materia di salute e di sicurezza sul lavoro comprende o meno quello del lavoratore o deve essere di 12 ore e cioè sei come lavoratore più sei come preposto e per rispondere allo stesso è necessario riesaminare le indicazioni fornite in merito dalla Conferenza Stato-Regioni e verificare in particolare se i contenuti degli aggiornamenti previsti per gli stessi siano quanto meno in qualche modo sovrapponibili.
 
L’obbligo della formazione dei lavoratori è stato stabilito, come è noto, con l’art. 37 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro. Con il comma 1 di tale articolo, infatti, è stato disposto che:
 
1. Il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza, anche rispetto alle conoscenze linguistiche, con particolare riferimento a:
a) concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo, assistenza;
b) rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell'azienda”,
 
e con il comma 2 dello stesso articolo è stato affidato alla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano l’incarico di definire la durata, i contenuti minimi e le modalità della formazione stessa, cosa che questa ha fatto con l’emanazione dell’Accordo raggiunto nell’ambito della seduta del 21/12/2011. Con tale Accordo la formazione dei lavoratori è stata articolata in una formazione di carattere generale della durata minima di 4 ore per tutti i settori di attività lavorativa, a basso medio ed alto rischio, e con i contenuti indicati nello stesso Accordo riguardanti il concetto di rischio, di danno, di prevenzione e protezione, di organizzazione della prevenzione aziendale, dei diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali e le nozioni sugli organi di vigilanza, controllo e assistenza, nonché in una formazione specifica della durata di 4 ore per i settori della classe a basso rischio, di 8 ore per i settori della classe a medio rischio e di 12 ore per i settori della classe ad alto rischio con un contenuto finalizzato soprattutto alla trattazione dei rischi effettivamente presenti nell’azienda presso la quale operano i lavoratori, rischi elencati, anche se in via non esaustiva, nel punto 4 dell’Accordo medesimo.
 
(...)
 
La risposta completa è disponibile per gli abbonati in area riservata:
 




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: davide dalla pria02/12/2015 (11:08:41)
cito dall'Accordo Stato-Regioni del 25 luglio 2012: "Quanto all'aggiornamento dei preposti, si puntualizza che le 6 ore di aggiornamento quinquennale - che si ritengono comprensive delle 6 ore di aggiornamento quali lavoratori - devono essere svolte avendo riguardo ai particolari compiti svolti in materia di salute e sicurezza sul lavoro...." etc.
Rispondi Autore: Gerardo Porreca03/12/2015 (17:45:59)
In effetti la Conferenza Stato Regioni nelle linee applicative del 25/7/2012, relative all’Accordo del 21/12/2011 sulla formazione dei lavoratori, dirigenti e preposti, ha avuto modo di sostenere, sia pure in un inciso e senza il supporto di argomentazione alcuna, che “le 6 ore di aggiornamento quinquennale dei preposti si ritengono comprensive delle 6 ore di aggiornamento quali lavoratori” ma non si è dello stesso parere se vogliamo raggiungere realmente l’obiettivo che l’aggiornamento si è prefisso. Basta pensare, infatti, alla diversità dei contenuti dei due aggiornamenti, indicati del resto nello stesso Accordo del 21/12/2011, l’uno, quello dei lavoratori, che mira ad un approfondimento giuridico-normativo, ad un aggiornamento tecnico sui rischi ai quali gli stessi possono essere esposti in azienda e sulle relative misure di prevenzione, mentre l’altro, quello dei preposti, mira ad un aggiornamento in relazione ai compiti in materia di salute e sicurezza sul lavoro da loro svolti in azienda e fissati dall’art. 19 del D. Lgs. n. 81/2008. Proprio non si comprende come le 6 ore dell'aggiornamento di un corso possano essere ricomprese nelle 6 ore dell'aggiornamento di un altro corso che ha un contenuto del tutto diverso.
Il tutto ha il sapore del solito sconto concesso per la formazione in materia di salute e di sicurezza sul lavoro e ci fa bene capire, in fondo, quanta poca importanza viene data alla formazione stessa che viene sempre vista come un aggravio di spesa e non quale essa realmente è e cioè un importantissimo ed essenziale momento di prevenzione.

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: