LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

2 novembre 2011 - Cat: Altro
  

Gli ancoraggi. Classificazione e selezione


Disponibili gli atti del convegno INAIL “Gli ancoraggi. Classificazione e selezione”: classificazione, valutazione del rischio, DPI.

Pubblicità
 
Roma, 02 Nov - Sono disponibili gli atti del convegno “Gli ancoraggi. Classificazione e selezione”organizzato da Inail, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza (ex ISPESL), lo scorso 7 ottobre.
 
Gli ancoraggi nelle costruzioni sono da sempre fonte di dibattito in quanto è difficile affrontare in maniera organica, esplicita ed esauriente la problematica di come identificare, qualificare, progettare ed installare questi sistemi.
La confusione scaturisce dal fatto che essi possono essere classificati secondo:
- la direttiva prodotti da costruzione 89/106/CEE,
- la direttiva DPI 89/686/CEE,
- le norme tecniche (si pensi alla UNI EN 795),
- le circolari del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale (è il caso degli ancoraggi dei ponteggi)



La direttiva 89/106/CEE ha permesso di compiere un primo passo in avanti nel senso che ha reso di fatto obbligatoria la marcatura CE per tutti i prodotti ad uso strutturale. Essi infatti sono elementi critici in quanto la loro perdita di efficacia nelle applicazioni a cui sono destinati può provocare morte o lesioni gravi e di carattere permanente.
La direttiva 89/686/CEE ha un approccio differente in quanto prende in considerazione l’elemento da fissare, che per essere considerato DPI deve essere rimovibile, e non la struttura, esclusa dal campo di applicazione. Questi concetti sono chiaramente esplicitati nella UNI EN 795.
I prodotti costruiti secondo le norme UNI EN 516 e UNI EN 517 sono “ibridi”, nel senso che sono prodotti da costruzione a cui si applica la direttiva 89/106/CEE ma su di essi possono essere collegati i dispositivi di protezione individuale.
I sistemi di ancoraggio costruiti secondo le circolari del Ministero del Lavoro 85/78, 44/90 e 132/91 riguardanti i ponteggi fissi sono consolidati, basta far riferimento alle indicazioni tecniche contenute all’interno delle stesse.
Ci sono, infine, una grande varietà di prodotti che non rientrano in nessuna delle categorie precedenti. A questi bisogna dedicare particolare attenzione.
 
Gli atti:
 
Classificazione degli ancoraggi di Luigi Cortis - INAIL-DTS
 
 
 
Ancoranti ed ETAG 001 di Michele Di Sario - Esperto di settore
 
Dispositivi di ancoraggio e punti di ancoraggio di Davide Geoffrey Svampa - INAIL-DTS
 
Ancoraggi per ponteggi di Calogero Vitale - INAIL-DTS
 
 
Fonte: Inail.


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

COMMENTA questo articolo nel FORUM di PuntoSicuro!

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: