960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

11 maggio 2005 - Cat: Sicurezza informatica
  

Hacker in…concorso


L’iniziativa è rivolta ai “true-hacker”, da non confondersi con i criminali informatici.


Pubblicità



Un concorso per hacker “buoni”, “true-hacker” che scoprono per sfida e non per fini criminali le vulnerabilità di complessi sistemi informatici. Hacker che non devono essere confusi con i cracker, i cyber-criminali.

Si apriranno il 1° giugno le iscrizioni del primo campionato nazionale di hacking, “Capture the Flag Nazionale 2005”, organizzato dal CERT-IT (Computer Emergency Response Team Italiano), che opera presso il Dipartimento di Informatica e Comunicazione dell'Università degli Studi di Milano.

La manifestazione, che si svolgerà nella prima settimana di ottobre, è rivolta a tutti gli appassionati di sicurezza informatica con particolare riferimento a coloro che dedicano parte del loro tempo a ricercare vulnerabilità nei sistemi informatici al fine di migliorarne l'affidabilità.

”L'hacking - affermano gli organizzatori - è sicuramente uno dei fenomeni più controversi della rivoluzione "Internet''. Nati nei primi anni '60 al MIT, come gruppo di esperti programmatori e conoscitori di computer, gli hacker sono indicati da molti come i pionieri della rivoluzione dell'informazione e come coloro che, con le loro conoscenze approfondite di computer e reti, hanno consentito lo sviluppo della rete Internet come oggi la conosciamo.

Per contro, oggi questo termine viene usato dalla maggioranza dei media per denotare criminali, che usano i computer per perpetrare i propri atti.

Nonostante ciò, nei laboratori di ricerca, nelle Università e in Rete, hanno continuato ad operare, e sono cresciuti, gruppi con elevate competenze relative a sistemi informatici e telematici, il cui modo di operare è del tutto assimilabile a quello degli hacker di prima generazione, che sono definiti, dagli addetti ai lavori e dalla stampa specializzata, true-hacker per distinguerli dai criminali tecnologici solitamente definiti cracker.”

Quella del “Capture the Flag Nazionale 2005” è una vera e propria sfida, nella quale ogni gruppo partecipante (di max 6 componenti) dovrà dimostrare di saper difendere la propria macchina virtuale dagli attacchi degli altri gruppi, preoccupandosi allo stesso tempo di attaccare con successo quelle degli altri. Saranno fissati obiettivi da raggiungere e proteggere, e ogni obiettivo raggiunto porterà alla squadra dei punti. Al termine della competizione vincerà la squadra che avrà totalizzato più punti.

Il concorso.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: