LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

  

Attenzione alle truffe on-line!


Sito propone ricariche telefoniche a prezzi scontati...ma c'e' l'inganno.

Una ricarica del valore di 150.000 lire a sole 50.000 lire…e con l'aggiunta di 50 SMS gratuiti.
Questa e' l'offerta, invitante ma impossibile, che campeggia nella home page di Ricaricami.com, un sito che da alcuni mesi propone ricariche telefoniche dei gestori italiani significativamente ''scontate'', acquistabili solo con carta di credito.

A quanto afferma un quotidiano on-line, si tratta invece di una truffa ben architettata; i gestori del sito hanno infatti indicato falsi riferimenti per rassicurare gli utenti: un numero verde (al quale in realta' risponde un fax), il numero di una atorizzazione ministeriale ed il logo di Banca Sella (istituto di credito attivo nel trading on-line e internet banking).

In realta' Banca Sella non ha nulla a che fare con questa operazione ed ha presentato una denuncia per l'uso improprio del nome e della reputazione dell'Istituto.

Ecco come dovrebbe avvenire l'acquisto delle ricariche ''scontate''.
L'utente inserisce i propri dati personali ed infine le coordinate della propria carta di credito; al momento della conferma dell'ordine viene ''preparata'' automaticamente nel programma di posta elettronica dell'utente una e-mail da inviare ai gestori del servizio.
Una e-mail che contiene solo i dati personali e di carta di credito…senza i dati relativi all'ordine.

L'intestatario del dominio Ricaricami.com in realta' afferma di non aver mai registrato quel sito e, anzi, di aver presentato denuncia per sottrazione di carta di credito.




 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: