LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

03 giugno 2014 - Cat: Privacy
  

I rischi delle nuove tecnologie: materiali informativi e cyberbullismo


Una raccolta di materiali correlati al progetto "Rischi da nuove tecnologie" che affronta le conseguenze del fenomeno “invadente” delle nuove tecnologie informatiche. Focus sul cyberbullismo.

 
Pubblicità

Torino, 3 Giu - L’Istituto A. Avogadro di Torino ha avviato nell' anno scolastico 2009/2010 il progetto " Rischi da nuove tecnologie" producendo, congiuntamente con la Polizia Municipale di Torino, diversi materiali sul fenomeno “invadente” delle nuove tecnologie informatiche.

Pubblicità
Privacy e tutela dei dati personali - 3 orePrivacy - Privacy e tutela dei dati personali - 3 ore
Corso online di formazione per incaricati al trattamento dei dati personali. Aggiornato al nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679

 Il fenomeno “invadente” delle nuove tecnologie informatiche ( telefoni cellulari, internet, podcast ecc.) ha creato un contesto aggregativo sociale nelle giovani generazioni, di specie totalmente nuova.
 
Da una definizione corrente, questo utilizzo viene a creare una cosiddetta rete virtuale “creativa” che lega i ragazzi in maniera “sotterranea” a tal punto che questo vincolo viene ad essere visto come una effettiva “superpotenza” ovvero una nuova modalità di aggregazione totalmente sconosciuta agli adulti che hanno un rapporto educativo con i ragazzi.
 
L’avvicinarsi dei ragazzi (e non solo) a queste tecnologie ed applicazioni, favorisce l’allontanamento degli stessi sempre più dal mondo reale e ad essere assorbiti da quello virtuale (è la quinta dimensione di Einstein?).
 
Oltre naturalmente ad amplificare l’isolamento sociale reale ed a sviluppare una concreta dipendenza, il fenomeno comporta dei rischi più o meno conclamati o concreti. Rischi che vanno dall’essere vittima di adescamento di malintenzionati ovvero utilizzare le tecnologie per  compiere reati veri e propri ed infine il rischio di acquisire una diversa scala di valori, che utilizza linguaggi diversi e non conosciuti dagli adulti visti sempre più come alieni.
 
Materiale informativo
In questa sezione sono stati raccolti una serie di documenti informativi
 
EDUCARE NELLA RETE a cura dell' Autorità Garante della Privacy.
DI INTERNET E DELLE PENE a cura di Paolo Gaspari e di Silvano Marchi
 
Presentazione al CONVEGNO "EDUCARE AL TEMPO DEI SOCIAL NETWORK - Facebook: genitori alla riscossa"
 
SEMINARIO "NAVIGARE NELLA LEGALITA'"
LA PRIVACY A SCUOLA
DIRITTO E NUOVE TECNOLOGIE
Saggi di informatica giuridica avazata
SERVIZIO DI OSSERVATORIO TECNOLOGICO PER LA SCUOLA
Ministero della pubblica istruzione
Rischi e opportunità di internet per i nativi digitali
 
POLIZIA DI STATO
NON CADERE NELLA RETE
- Guida genitori
- Guida ragazzi
 
 
LE NUOVE TECNOLOGIE RISCHI E RIMEDI
Regole base per navigare in internet con sicurezza
 
GUIDA ALLA TUTELA DEI DATI PERSONALI SU FACEBOOK (dal sito del Garante della Privacy) 
Social Network: attenzione agli effetti collaterali
 
INDAGINE SVOLTA DA SWG PER MOIGE E SYMATEC
Utilizzo di internet a casa e a scuola
 
ARTICOLO AMBULATORIO DIPENDENZE, Policlinico "Gemelli" di Roma
Malati di internet e schiavi dei giochi di ruolo
 
 
MANUALE "Web Amico" PER I GENITORI
 
I rischi del mondo digitale - scritto dal V.Comm. Valter Bouquie e dal prof. Marco Bertoluzzo
 
Buono a sapersi (Good to know) - Progetto di collaborazione tra Google e Polizia delle Comunicazioni
Vedi opuscolo - prima parte - seconda parte
 
 
Cyberbullismo
La rapida diffusione delle nuove tecnologie ha portato con sé nuove occasioni di incontro e interazione, oltre che stravolto le modalità di comunicazione, gli stili di vita, il modo di pensare, la divulgazione del sapere e della cultura. Tuttavia, come è stato constatato anche in occasione del Progetto “Rischi da Nuove Tecnologie” di cui l’Istituto è stato protagonista, accanto a queste opportunità di crescita e arricchimento culturale, i nuovi mezzi di comunicazione di massa portano con sé anche rischi e pericoli e i giovani, purtroppo, sono spesse volte i primi a dover fare i conti con l’aspetto maligno della grande Rete, della telefonia mobile, dei videogiochi.
 
Il pericolo più recente che si nasconde dietro uno schermo è il cyberbullismo, o bullismo elettronico, termine che indica un atto aggressivo, intenzionale, condotto da un individuo o un gruppo di individui usando varie forme di contatto elettronico, contro una vittima che non può facilmente difendersi. Sono considerati atti di bullismo elettronico l’invio di messaggi scortesi, offensivi, insultanti attraverso e-mail, sms, mms, telefonate sgradite o talvolta mute; la diffusione o pubblicazione online di materiale altamente offensivo e denigratorio, come, per esempio, immagini alterate o fotomontaggi della vittima; l’esclusione intenzionale di un coetaneo da un gruppo online, da una chat, da un game interattivo e da altri ambienti protetti da password, con lo scopo di determinarne una riduzione di collegamenti amicali, popolarità e quindi “potere”; l’ormai famoso fenomeno dell’happy slapping, in cui un ragazzo o un gruppo di ragazzi picchiano un coetaneo mentre altri riprendono con il videofonino l’aggressione, che verrà poi pubblicata in Internet, diventando, così, occasione di condivisione e derisione online.
 
Dopo la collaborazione con la Polizia Municipale, l’Istituto collabora ora con l’Università degli Studi di Torino, partecipando ad uno studio esplorativo proprio sul fenomeno del cyberbullismo, proposto dal Prof. Marco Bertoluzzo, docente di Criminologia presso l’Ateneo torinese, e da una Sua tesista.
 
Con lo scopo di esaminare la diffusione del “bullismo di nuova generazione”, ponendo attenzione anche agli stati d’animo che accompagnano simili atteggiamenti e cercando di capire in che modo è possibile combatterlo, ad alcuni ragazzi dell’Istituto è stato chiesto di compilare un questionario anonimo, composto da un totale di 20 domande chiuse. Le domande sono state formulate prendendo spunto dalle varie ricerche e indagini, svolte in ambito italiano e internazionale, sull’argomento in esame.
 
Scarica i risultati del sondaggio file PDF 
 
Il progetto
In questa sezione sono inseriti alcuni materiali prodotti congiuntamente con la Polizia Municipale di Torino riguardante il progetto "Rischi da nuove tecnologie" avviato presso l'istituto Avogadro nell' a.s. 2009/2010.
 
SEMINARIO "NAVIGARE NELLA LEGALITA'"
PROGETTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI TORINO E DELL'ITIS AVOGADRO
I rischi da nuove tecnologie informatiche
RELAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO-DIVULGATIVO
I rischi da nuove tecnologie informatiche
 
 
 
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: